60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

PERCORSI ABILITANTI PER L’INSEGNAMENTO

30 – 36 – 60 CFU

Scopri il percorso!

NORMATIVA PERCORSI 30 – 36 – 60 CFU

Il 25 Settembre 2023 è stato pubblicato in gazzetta ufficiale il Decreto legge che regola i nuovi percorsi di abilitazione Docenti.
I corsi abilitanti per l’insegnamento verranno attivati già nell’anno accademico 2023/2024 come disciplinato dal DPCM del 4 agosto 2023 e delineato dal Decreto Legge n. 36/2022.

Ai sensi dell’art. 4 del DPCM 4 agosto 2023 le Università e le Istituzioni AFAM potranno erogare i corsi abilitanti da 30 o 36 CFU solo a seguito dell’accreditamento del relativo percorso formativo da 60 CFU con decreto del Ministro dell’università e della ricerca, adottato su parere conforme dell’ANVUR.

ATTIVAZIONE PERCORSI ABILITANTI

L’Università eCampus ha istituito il Centro Multidisciplinare di Formazione degli Insegnanti – CEMFI in convezione con l’Accademia Belle Arti di Sanremo legalmente riconosciuta “I. Duncan” e l’Accademia del Lusso di Milano.

E’ stata inviata, entro la data del 10 novembre 2023 stabilita dal Ministero, domanda di accreditamento dei seguenti percorsi formativi, il MUR dovrà esprimersi.

Classi di concorso richieste:

A11 – Discipline letterarie e latino
A12 – Discipline letterarie
A13 – Discipline letterarie latino e greco
A18 – Filosofia e Scienze umane
A19 – Filosofia e Storia
A22 – Italiano Storia e Geografia
A23 – Lingua italiana per discenti di lingua straniera
A26 – Matematica
A27 – Matematica e fisica
A28 – Matematica e Scienze
A45 – Scienze economico -aziendali
A46 – Scienze giuridico – economiche
A47 – Scienze matematiche applicate
A48 – Scienze motorie e sportive negli istituti di istruzione secondaria di II grado
A49 – Scienze motorie e sportive nella scuola secondaria di I grado
A54 – Storia dell’Arte
A01 – Arte e immagine nella scuola secondaria di I grado
A04 – Design del libro
A05 – Design del tessuto e della moda
A08 – Discipline geometriche, architettura, design d’arredamento e scenotecnica
A09 – Discipline grafiche pittoriche e scenografiche
A10 – Discipline grafico-pubblicitarie
A17 – Disegno e storia dell’arte negli istituti di istruzione secondaria di II grado
A62 -Tecnologie e tecniche per la grafica
Avvio dei percorsi: entro i 40 giorni successivi alla verifica di ammissibilità, l’ANVUR avvalendosi del Nucleo di valutazione, fornirà il parere sulle singole richieste di ogni Ateneo, ed entro i successivi 10 giorni verrà emanato dal MUR il decreto di accreditamento.

Ulteriori Classi di Concorso richieste dall’Università degli Studi Link Campus – clicca qui

  • A24
  • A25
  • A21
  • A03
  • A07

Aggiornamenti e informazioni saranno pubblicate in questa pagina appena disponibili

Organizzazione e sedi

L’organizzazione prevista per i corsi è la seguente:

  • 30 CFU erogati in modalità a distanza con lezioni sincrone svolte in aule con accesso tramite go to meeting;
  • 15 CFU di tirocinio diretto + 5 CFU di tirocinio indiretto svolti in presenza;
  • 10 CFU di attività didattica caratterizzanti la classe di insegnamento svolti in presenza in una delle seguenti sedi eCampus e delle Istituzioni AFAM convenzionate: NOVEDRATE – MILANO, sede eCampus – MILANO, sede Accademia del Lusso – MILANO, sede Accademia “Duncan” di Sanremo – PADOVA – TORINO – FIRENZE – BOLOGNA – ANCONA – PESCARA – GENOVA – SANREMO, sede Accademia “Duncan” – CITTA’ DI CASTELLO – ROMA – NAPOLI – CATANZARO – COSENZA – REGGIO CALABRIA – BARI – PALERMO – CATANIA – CAGLIARI.

MODALITÀ DI FREQUENZA

Per accedere alla prova finale sarà necessaria una percentuale minima di presenza alle attività formative pari al 70% per ogni AF, come previsto dall’art. 7 comma 7 del DPCM del 4 agosto 2023.

Esclusivamente per gli anni accademici 2023/2024 e 2024/2025 i percorsi universitari di formazione iniziale possono essere svolti, a esclusione delle attività di tirocinio e di laboratorio, con modalità telematiche, comunque sincrone, anche in deroga al limite previsto dall’articolo 2-bis, comma 1, secondo periodo, e in ogni caso in misura non superiore al 50% del totale come previsto dal decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59 e ss.mm.ii e, in particolare, dell’articolo 18-bis, comma 6-bis.

REQUISITI DI ACCESSO 30 / 36 / 60 CFU

Possono accedere al nuovo percorso di abilitazione all’insegnamento MIM:

  • Docenti già inseriti in GPS
  • Laureati in possesso di una Laurea Magistrale o Magistrale a ciclo unico, oppure in possesso del diploma dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica di II livello, oppure di titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di pubblicazione del bando.
  • Gli iscritti a un corso di laurea magistrale o a ciclo unico (in quest’ultimo caso è richiesto il possesso di almeno 180 CFU)
  • Diplomati ITP – Docenti Tecnico Pratico (fino al 31 dicembre 2024). Dal 1° gennaio 2025, al termine della fase transitoria, sarà invece necessario il possesso di una laurea triennale coerente.

Il titolo di accesso alla classe di concorso di interesse può essere verificato sul sito del Ministero dell’Istruzione e del Merito, consultando il D.P.R. 19/2016 e il D.M. 259/2017.

TIPOLOGIE DI CORSI PREVISTI

Facciamo chiarezza illustrando la normativa ed i nuovi percorsi abilitati all’insegnamento 30 – 36 – 60 CFU.
Tipologie:

  1. Percorsi abilitanti da 60 CFU, che andranno a regime dal 2025, poiché da quell’anno l’abilitazione sarà requisito di accesso ai concorsi.
  2. Percorsi abilitanti da 30 CFU, per docenti già in possesso di abilitazione/specializzazione su altra classe di concorso o altro grado di istruzione.
  3. Percorsi transitori abilitanti da 30 CFU per docenti con tre anni di servizio presso le scuole statali o paritarie, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso e per coloro che hanno sostenuto la prova concorsuale del concorso “straordinario bis”.
  4. Percorsi transitori da 30 CFU, per i neo-laureati o per coloro che non hanno acquisito i 24 CFU entro il 31 ottobre 2022, utili per accedere ai concorsi fino a fine 2024, con ulteriori crediti da integrare in caso si risulti vincitori di concorso (vedi percorso n. 5).
  5. Percorsi post-concorso da 30 o 36 CFU, per coloro che partecipano ai concorsi senza essere già abilitati.

I percorsi come da punto 5 si rivolgono a diverse tipologie di docenti suddivisi come di seguito:

  • 30 CFU post concorso per coloro che partecipano con il titolo di accesso + 3 anni di servizio negli ultimi 5 nella scuola statale, di cui uno sulla classe di concorso specifica.
  • 30 CFU post concorso per chi partecipa al concorso avendo conseguito solo 30 CFU
  • 36 CFU post concorso per coloro che partecipano con il titolo di accesso + 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022;

I titoli abilitanti all’insegnamento potranno essere attivati e organizzati dalle Università che otterranno l’accreditamento del relativo percorso da 60 CFU.

MODALITA’ DI EROGAZIONE

I percorsi di abilitazione all’insegnamento 30 e 60 CFU potranno essere erogati nelle seguenti modalità:

  • 60 CFU per gli anni accademici 2023/2024 e 2024/2025 possono essere svolti in modalità telematica, sempre sincrona, per non più del 50% del totale, ad eccezione delle attività di tirocinio e laboratorio.

  • 30 CFU è possibile erogare i corsi interamente in modalità telematica sincrona;

Ogni singolo ateneo emanerà i propri regolamenti come stabilito dal DPCM 4 agosto 2023, secondo il Decreto PA bis, convertito nella legge n. 112 del 10 agosto 2023 e le disposizioni Ministeriali.

POSTI DISPONIBILI 60 CFU

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha predisposto il fabbisogno triennale dei docenti da abilitare ed il numero è stato trasmesso al Ministero dell’Università e della Ricerca. Il fabbisogno dei posti disponibili attivabili nelle Università riguarderà gli anni 2023/24, 2024/25, 2025/26 come da DPCM 4 agosto 2023 e questi saranno così distribuiti:

  • Nord: 13.801 posti
  • Centro: 8.435 posti
  • Sud e Isole: 17.078 posti

L’Università eCampus ha richiesto l’accreditamento di 24 percorsi, si attende il parere dell’Anvur.

Non faranno parte del numero stimato i docenti che dovranno conseguire un’ulteriore abilitazione rispetto a quella già in possesso o al titolo di specializzazione.

GRADUATORIE GPS E CONCORSI

Accesso Graduatorie GPS I e II Grado:

Titolo di studio valido come da tabelle MIM congiunto a:

  • 24 CFU conseguiti entro il 31/10/2022
  • 30 CFU conseguiti nella fase transitoria sino al 31/12/2024
  • 60 CFU conseguiti tramite il nuovo percorso universitario

Concorsi Scuola secondaria di I e II Grado

Accesso con i seguenti requisiti oltre al possesso del titolo di studio come da tabelle MIM più:

  • 24 CFU conseguiti entro il 31/10/2022 (fase transitoria sino al 31/12/2024);
  • 30 CFU del sopra indicato percorso universitario (fase transitoria sino al 31/12/2024);
  • 60 CFU conseguiti tramite il sopra indicato percorso universitario;
  • 3 annualità di servizio, anche non continuative, svolte negli ultimi cinque anni presso le scuole statali, di cui una specifica.

La prima procedura concorsuale ad essere bandita sarà il Concorso straordinario ter 2023, destinato ai docenti che hanno accumulato almeno 3 anni di servizio o che hanno conseguito i 24 CFU.

ABILITAZIONE 30 CFU

Il percorso di 30 CFU è dedicato a diverse categorie di candidati:

  • Docenti già abilitati in un’altra classe di concorso o altro grado
  • Docenti specializzati sul sostegno che vogliono ottenere l’abilitazione su materia
  • Docenti con almeno tre anni di servizio nella scuola statale, di cui almeno uno specifico, negli ultimi cinque anni, sulla classe di concorso per la quale si partecipa all’abilitazione
  • Docenti vincitori di concorso ma non abilitati

Il percorso è possibile conseguirlo completamente online, come da disposizioni MIM.

Fac-simile piani di studio come disciplinato dal Decreto ministeriale

AmbitoCFU
Discipline di area pedagogica4 CFU
Tirocinio indiretto15 CFU
Didattica delle discipline, linguaggio delle discipline, Metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento9 CFU
Discipline relative all’acquisizione di competenze nell’ambito della legislazione scolastica2 CFU
Abilitazione all’insegnamento30 CFU

ABILITAZIONE 60 CFU

L’abilitazione all’insegnamento attraverso il nuovo percorso 60 CFU Docenti MIM sarà ad accesso contingentato (posti indicati dal Ministero su base triennale), potranno iscriversi i laureati in possesso di un titolo valido all’insegnamento, diplomati ITP, studenti iscritti ad un corso di Laurea Magistrale valido per l’accesso ad una classe di concorso, studenti immatricolati ad un percorso di Laurea a ciclo unico condizione che abbiano maturato almeno 180 CFU nel loro percorso di studi.

Il percorso consentirà l’inserimento nella I Fascia Docenti GPS.

Fac-simile piani di studio come disciplinato dal Decreto ministeriale

AmbitoCFU
Discipline di area pedagogica10 CFU
Tirocinio diretto specifico per la classe di concorso, con un impegno in presenza di almeno dodici ore per ogni CFU o CFA di tirocinio15 CFU
Tirocinio indiretto5 CFU
Formazione inclusiva delle persone con BES3 CFU
Disciplina di area linguistico-digitale3 CFU
Disciplina psico-socio-antropologiche 4 CFU
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento18 CFU
Discipline relative all’acquisizione di competenze nell’ambito della legislazione scolastica2 CFU
Abilitazione all’insegnamento60 CFU

ABILITAZIONE 36 CFU

Il percorso di 36 CFU è riservato ai docenti che hanno ottenuto i 24 CFU entro il 31 ottobre 2022 e che, entro il 31 dicembre 2024, partecipano e superano un concorso docenti.

Fac-simile piani di studio come disciplinato dal Decreto ministeriale

AmbitoCFU
Discipline di area pedagogica3 CFU
Tirocinio diretto10 CFU
Tirocinio indiretto3 CFU
Discipline di area linguistico-digitale3 CFU
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento15 CFU
Discipline relative all’acquisizione di competenze nella legislazione scolastica2 CFU
Abilitazione all’insegnamento36 CFU

COSTI E RETTE

I costi del percorso 30 – 36 -60 CFU verranno comunicati dalle Università che attiveranno i percorsi.

FINALITA’ E STRUTTURA DEL PERCORSO FORMATIVO

30 – 36 – 60 CFU vantaggi:

  • Ottenere l’abilitazione all’insegnamento e l’inserimento nella I Fascia Docenti
  • Passaggio di ruolo su altro insegnamento per i docenti già destinatari di contatto a tempo indeterminato in base alle disposizioni ministeriali.
  • Partecipazione ai concorsi Docenti


Il DPCM, tenendo conto sia della fase di implementazione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti che della fase transitoria, fissa anche la data di conclusione dei percorsi formativi abilitanti da 30 e 60 CFU:

  • 30 CFU entro il 28 febbraio 2024 (salvo eventuali proroghe)
  • 60 CFU entro il 31 maggio 2024

TIROCINIO DIRETTO

Il tirocinio, con l’affiancamento dei tutor, prevede la compilazione e la discussione dell’E-portfolio delle competenze professionali acquisite dal tirocinante, con particolare riferimento all’analisi di casi e situazioni problematiche emersi nel gruppo-classe nel corso del tirocinio, da attestarsi nel diario di tirocinio.

Il tirocinio si svolge presso le istituzioni scolastiche del Sistema nazionale di istruzione, ivi compresi i Centri provinciali per l’istruzione degli adulti, accreditati.
L’USR predispone e aggiorna annualmente un elenco telematico delle istituzioni scolastiche accreditate.

COME CONVALIDARE I CREDITI

Il DPCM, in attuazione di quanto disposto dal D.lgs. 59/17, nell’ambito dei percorsi prevede il riconoscimento dei crediti formativi universitari o accademici precedentemente acquisiti nei corsi di studio universitari o accademici nonché i 24 CFU o CFA in base a quanto definito dall’art. 8 e dall’allegato B del DPCM del 4 agosto 2023 “Linee Guida per il riconoscimento dei crediti”.

Nello specifico, è previsto il riconoscimento di:

  • 24 CFU/CFA conseguiti in base al previgente ordinamento, fermo restando che vanno conseguiti almeno 10 CFU/CFA di tirocinio diretto [ricordiamo che chi è in possesso dei 24 CFU, conseguiti entro il 31/10/22, può partecipare al concorso previsto per la fase transitoria, che durerà sino al 31/12/2024; tali aspiranti, completeranno poi la formazione conseguendo 36 CFU/CFA, secondo quanto indicato nell’allegato 5 al DPCM];
  • CFU/CFA conseguiti nei corsi di studio universitari o accademici, purché siano coerenti con il Profilo conclusivo del docente abilitato, competenze professionali e standard professionali minimi di cui all’allegato A al DPCM. Il riconoscimento avviene sulla base delle Linee guida allegate sempre la predetto decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (Allegato B).

Il riconoscimento dei crediti di cui al punto 2, ossia dei crediti conseguiti nei corsi di studio universitari o accademici, avviene nel rispetto dei criteri e principi di seguito riportati (allegato B al DPCM), fermo restando che siano coerenti con il Profilo conclusivo del docente abilitato indicato nell’allegato A al DPCM. Ecco i predetti criteri e principi:

  • A) È possibile il riconoscimento delle attività formative e dei rispettivi CFU/CFA acquisiti nel corso degli studi universitari o accademici, purché strettamente coerenti con gli obiettivi formativi del percorso di formazione iniziale di cui all’Allegato A (Profilo del docente abilitato). L’individuazione dei CFU/CFA da acquisire con modalità aggiuntiva è effettuata sulla base del riconoscimento, dell’attestazione e dell’eventuale certificazione delle competenze maturate dagli studenti.
  • B) Il numero di crediti riconosciuti non può essere superiore a 12, nel caso delle attività formative relative alle scienze dell’educazione, alle didattiche disciplinari e alle attività formative riguardanti le competenze psico-socio-antropologiche e a quelle linguistiche e digitali considerate nel loro complesso.
  • C) Il numero di crediti riconosciuti non può essere superiore a 5 nel caso delle attività di tirocinio diretto e indiretto.
  • D) Il riconoscimento deve avvenire secondo criteri di omogeneità dei contenuti con riferimento ai settori scientifico disciplinari, tenendo conto degli obiettivi delle attività formative oggetto del riconoscimento e dei risultati di apprendimento degli studenti, senza limitazioni legate alle specifiche denominazioni degli insegnamenti, nel rispetto delle indicazioni fornite dalle linee guida ECTS 2015.
  • E) Nel caso dei dottori di ricerca e dei dottorandi iscritti al terzo anno, i consigli di corso valutano le competenze trasversali e formative acquisite nel percorso del dottorato ai fini di un eventuale riconoscimento nel percorso di formazione iniziale.
  • F) Il riconoscimento delle attività formative e dei rispettivi CFU/CFA è ridotto in proporzione, nel caso in cui tale riconoscimento venga effettuato con riferimento ai percorsi formativi descritti negli allegati 2, 3, 4 e 5.

Riguardo al punto F), ricordiamo quali sono i percorsi formativi (naturalmente sempre finalizzati all’acquisizione dell’abilitazione) nell’ambito dei quali il riconoscimento dei CFU/CFA è ridotto in proporzione:

  • (allegato 2) percorsi per l’acquisizione di 30 CFU/CFA, da parte dei docenti vincitori di concorso, al quale partecipano in virtù del possesso, alla data di presentazione delle istanze, di un servizio anche non continuativo di tre anni scolastici nelle scuole statali, negli ultimi cinque, di cui uno nella specifica classe di concorso di partecipazione (tale requisito di partecipazione è previsto anche in via ordinaria);
  • (allegato 3) percorsi per l’acquisizione di 30 CFU/CFA, necessari per partecipare al concorso (durante la sola fase transitoria, prevista sino al 21 dicembre 2024) con il possesso di titolo di studio e appunto 30 CFU/CFA;
  • (allegato 4) percorsi per l’acquisizione di 30 CFU/CFA, necessari ai docenti di cui al punto precedente per completare la formazione;
  • (allegato 5) percorsi per l’acquisizione di 36 CFU/CFA, necessari a completare la formazione da parte dei docenti, che partecipano al concorso in virtù del titolo di studio e di 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022 (ciò durante la sola fase transitoria, prevista sino al 21 dicembre 2024).

Accreditamento al MIM

I percorsi verranno attivati dalle Università fisiche e telematiche che richiederanno riconoscimento percorso 60 CFU al MIM.

contattaci allo

Hai Bisogno
di più Informazioni?

Dettagli del Percorso

Scarica in Omaggio
il Nostro Dossier sui 60 CFU