60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Chi deve prendere i 60 CFU?

Chi deve prendere i 60 CFU?

A distanza di appena cinque anni dalla loro istituzione (decreto legislativo n. 59 del 13 aprile 2017), i 24 CFU si preparano a essere sostituiti. La nuova riforma relativa alle regole per la formazione iniziale e continua e per il reclutamento dei docenti voluta dal Ministro dell’Istruzione Bianchi prevede, infatti, l’introduzione dei 60 CFU.

Si tratta, certamente, di una delle novità più controverse del decreto legge n. 36 del 30 aprile 2022. Approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 21 aprile nell’ambito del maxi decreto del PNRR, nella sezione dedicata all’istruzione, il provvedimento continua a far discutere e ad alimentare perplessità. Ciò che, invece, è assolutamente chiaro è che i crediti formativi universitari nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche e linguistiche restano imprescindibili.

Ma chi deve prendere i 60 CFU?

Chi deve prendere i 60 CFU? Percorso ordinario

Per gli insegnanti della scuola per l’infanzia e primaria non cambierà nulla. Esattamente come accaduto finora, per loro sarà sufficiente essere in possesso della laurea in Scienze della formazione primaria.

I docenti che vorranno, invece, insegnare nella scuola secondaria di primo e secondo grado, dovranno necessariamente conseguire i 60 CFU.  Di questi, tuttavia, almeno 20 crediti dovranno essere ottenuti attraverso un periodo di tirocinio diretto presso le scuole ed uno indiretto.

Agli stessi sarà, quindi, richiesto il superamento di un esame finale: una prova scritta ed una simulazione di lezione. Una volta ottenuta l’abilitazione, l’aspirante docente potrà partecipare ai concorsi semplificati annuali previsti dal decreto 36/2022. E, una volta ottenuta una cattedra, dopo il classico anno di prova, passare di ruolo. 

Come conseguire i 60 CFU?

Una volta chiarito chi deve prendere i 60 CFU, cerchiamo adesso di capire come conseguirli. Per farlo esistono due modalità. Sarà, infatti, possibile ottenere i 60 CFU all’interno del tradizionale percorso di studio universitario (in aggiunta ai crediti necessari per il conseguimento della laurea) o dopo la laurea stessa. In pratica, ieri come oggi, chi aspira a diventare insegnante a tutti gli effetti, deve necessariamente fare i conti con i CFU.

Il percorso transitorio

Il decreto legge n. 36 del 30 aprile 2022 prevede, tuttavia, anche un percorso transitorio valido fino al 31 dicembre 2024, salvo deroghe. L’obiettivo è quello di accelerare le immissioni in ruolo.

Nello specifico, questo percorso è riservato a quanti riusciranno a conseguire almeno 30 crediti formativi universitari prima della laurea. Gli stessi potranno, infatti, partecipare al concorso ordinario con l’obbligo, una volta superato, di integrare i restanti 30 crediti entro il primo anno di insegnamento (con contratto a tempo determinato).

Per ottenere l’abilitazione bisognerà, quindi, superare una prova finale che permetterà di insegnare nelle scuole paritarie. Per insegnare, invece, in quelle statali bisognerà intraprendere l’anno di prova con valutazione finale prima della definitiva immissione in ruolo.    

Chi deve prendere i 60 CFU? Accesso diretto al concorso

Oltre al percorso ordinario e a quello transitorio, ne è previsto anche un terzo, riservato ai precari storici che abbiano maturato almeno 36 mesi di insegnamento negli ultimi 5 anni. Questi ultimi potranno, infatti, accedere direttamente al concorso docenti ed eventualmente ottenere un contratto part time. In questo modo avranno la possibilità di procedere con il necessario riallineamento formativo e all’acquisizione di 30 CFU. Fermo restando la prova di abilitazione e l’anno di prova.   

Seconda abilitazione

30 CFU, di cui 20 nell’ambito delle metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento, rappresentano, infine, il requisito per gli insegnanti che intendono conseguire una seconda abilitazione. I restanti 10 CFU saranno di tirocinio diretto. 

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

Aula universitaria
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti: l’elenco dei posti per tutte le classi di concorso

51.753: è questo il totale dei posti per tutte le classi di concorso in riferimento ai percorsi abilitanti. A tal proposito, il Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) ha pubblicato le linee guida per l’attivazione dei percorsi abilitanti attraverso l’emanazione del decreto n.621 del 22 aprile 2024. Sono stati resi

Leggi l'Articolo
Entro i mesi di novembre/dicembre del 2024, i percorsi abilitanti per docenti di scuola secondaria che termineranno sono di tre tipi
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti docenti secondaria: quando termineranno i primi?

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha previsto un secondo Concorso docenti atteso per i mesi di Novembre/Dicembre del 2024. Ne consegue che, con molta probabilità, i suddetti mesi saranno gli stessi in cui termineranno i primi percorsi abilitanti per i docenti di scuola secondaria.  Docenti abilitati con

Leggi l'Articolo
L’assegnazione provvisoria, al termine dei percorsi abilitanti, può essere richiesta dai docenti di ruolo dall’anno scolastico precedente.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti: a chi è concessa l’assegnazione provvisoria

La Riforma Bianchi, legge n. 79 del 29 giugno 2022 (conversione in legge – con modificazioni – del decreto n. 36 del 30 aprile 2022) ha introdotto un nuovo metodo di reclutamento del personale docente: i percorsi abilitanti. Scopriremo, nel corso dell’articolo, quali sono i casi in cui è contemplata

Leggi l'Articolo
un'aspirante docente poco prima di parteciapre ad un percorso formativo
60 CFU
Giuseppe Montone

60 CFU e TFA Sostegno: domande frequenti | FAQ | 60 CFU

L’implementazione dei percorsi universitari e accademici per la formazione iniziale, necessaria per l’abilitazione degli aspiranti insegnanti di posto comune (inclusi gli insegnanti tecnico-pratici, ITP) nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, ha completamente trasformato il processo di reclutamento degli insegnanti. Il provvedimento, entrato in vigore nel 2022 continua, tuttavia,

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti durante una lezione dei percorsi abilitanti da 36 CFU/CFA
60 CFU
Giuseppe Montone

Percorsi abilitanti 36 CFU

Il Ministero dell’Università e della Ricerca ha definito i dettagli operativi per l’attivazione dei nuovi percorsi abilitanti per docenti, articolati in moduli da 60, 30 e 36 CFU/CFA. Queste misure, introdotte con la legge n. 79 del 29 giugno 2022 mirano a riformare il sistema di formazione e reclutamento degli

Leggi l'Articolo
Il DPCM 4 agosto 2023 ha fissato un tetto massimo per i costi dei percorsi abilitanti.
60 CFU
Rosalia Cimino

I costi dei percorsi abilitanti

In partenza i percorsi abilitanti per i docenti. L’attesa è terminata con la pubblicazione del Decreto numero 621, emanato dal Ministero dell’Università e della Ricerca il 22 aprile 2024, che regola l’inizio dei corsi di formazione iniziale per i futuri insegnanti. Scopriamo quali sono i costi dei percorsi abilitanti. Quanto

Leggi l'Articolo