60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Cosa sono i percorsi abilitanti 60 CFU Unige?

percorsi abilitanti 60 CFU Unige

La formazione degli insegnanti è un aspetto cruciale nel panorama dell’istruzione. Un elemento che merita particolare attenzione è rappresentato dai percorsi abilitanti da 60 CFU Unige.

Questi ultimi servono a coloro che aspirano a intraprendere la carriera dell’insegnamento, poiché si basano sul DPCM 60 CFU. Tale decreto ha introdotto significative modifiche nella legislazione che regola il reclutamento dei professionisti dell’istruzione.

Il suddetto cambiamento è stato il risultato della cosiddetta Riforma Bianchi, promulgata attraverso il Decreto-Legge n. 36 del 30 aprile 2022.

Tuttavia, è importante sottolineare che i candidati possono trovare orientamenti e informazioni estremamente utili nelle Linee Guida ANVUR.

Queste linee guida sono state create appositamente per guidare i candidati verso l’accreditamento iniziale dei percorsi abilitanti durante gli anni accademici 2023-2024 e 2024-2025.

L’importanza dei percorsi abilitanti 60 CFU Unige

L’accesso al mondo dell’istruzione è un passaggio che richiede una profonda comprensione delle normative stabilite dal Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Qual è la chiave di questa comprensione? La risposta sta nei percorsi abilitanti 60 CFU Unige. Tali programmi universitari rappresentano un’opportunità straordinaria.

Infatti, possono condurre sia all’abilitazione nella classe di concorso desiderata sia all’ottenimento di una cattedra a tempo indeterminato.

A chi sono destinati questi 60 CFU? Ai futuri insegnanti della scuola secondaria di I e II grado. Gli obiettivi di questi crediti formativi sono chiari e ambiziosi.

Vogliono promuovere la conoscenza dei futuri docenti e concentrarsi su aree specifiche di competenza. Tra di esse ci sono le discipline antropo-psico-pedagogiche, ma il percorso non si ferma qui.

La formazione si sofferma anche sulle metodologie d’insegnamento, all’utilizzo delle tecnologie educative e alla padronanza delle lingue. Questi aspetti sono cruciali per preparare gli insegnanti a essere dei veri leader nell’ambito educativo in costante evoluzione.

Tuttavia, c’è un elemento ulteriore da considerare. Una parte integrante di questo percorso è costituita dalla formazione pratica.

I candidati devono essere pronti a mettere in pratica ciò che imparano nelle aule universitarie, affrontando tirocini presso le istituzioni scolastiche.

Da quando saranno necessari i 60 CFU?

I percorsi abilitanti 60 CFU Unige sono un’iniziativa rivoluzionaria che sta per cambiare il panorama dell’istruzione. Questa nuova normativa entrerà in vigore il 1° gennaio 2025, aprendo nuove opportunità per coloro che aspirano a diventare docenti.

La loro caratteristica distintiva è la loro enfasi sulla preparazione completa degli insegnanti attraverso un approccio formativo basato su 60 CFU.

Un aspetto chiave di questi percorsi è l’esigenza di superare sia una prova scritta che una lezione simulata. 

La prova scritta è progettata per valutare la capacità degli studenti di analizzare in modo critico l’esperienza di tirocinio scolastico acquisita durante il loro percorso di formazione.

Questo è un passaggio cruciale per garantire che gli insegnanti siano in grado di applicare in modo efficace le loro conoscenze in un contesto reale.

La lezione simulata rappresenta un’altra parte essenziale di questi percorsi abilitanti. In questo contesto, gli aspiranti docenti avranno l’opportunità di dimostrare le loro abilità didattiche in un ambiente simulato.

Questo offre loro una preziosa esperienza pratica e permette loro di affinare le loro competenze nell’arte dell’insegnamento prima di entrare in aula.

Requisiti di accesso

Come precedentemente menzionato, l’acquisizione dei percorsi abilitanti 60 CFU Unige implica il soddisfacimento di un contingente di crediti formativi specifici.

Tuttavia, è fondamentale sottolineare che l’accesso a questa stimolante opportunità non è indiscriminato. Infatti, è sottoposto a criteri di selezione rigorosi che richiedono di attenta considerazione.

Nella sequenza, una rappresentazione tabellare sintetizza i prerequisiti obbligatori per entrare nell’ambito dell’Università degli Studi di Genova.

Percorso CFUDestinatariRequisiti
60 CFULaureati
60 CFUITPDiploma fino al 31 dicembre 2024. Dal 1° gennaio 2025: laurea
60 CFUStudenti in corsi di studio per insegnantiAcquisizione di almeno 180 CFU

Formazione iniziale 60 CFU

I prossimi educatori della scuola secondaria sono tenuti ad acquisire una profonda conoscenza dei percorsi abilitanti 60 CFU Unige. Tali percorsi rappresentano il nucleo centrale della loro formazione iniziale.

Il percorso da seguire comprende una serie di fasi:

  • formazione universitaria e accademica abilitante. Gli aspiranti insegnanti devono completare con successo un percorso di formazione iniziale presso un’istituzione universitaria o accademica. È un requisito obbligatorio ottenere almeno 60 Crediti Formativi Universitari o Accademici (CFU/CFA);
  • concorso pubblico a livello nazionale. Dopo aver conseguito i 60 CFU/CFA, i candidati sono tenuti a partecipare a un concorso pubblico nazionale. Questo concorso può essere organizzato a livello regionale o interregionale, a seconda delle leggi locali vigenti;
  • periodo di prova in servizio. Una volta superato il concorso, gli aspiranti insegnanti entrano in un periodo di prova in servizio. Questa fase ha una durata di un anno e comprende un test finale e una valutazione conclusiva.

Prova finale

Il percorso abilitante 60 CFU Unige culmina con un esame complesso, che, come si è visto, comprende sia una prova scritta che una simulazione di insegnamento.

Inoltre, viene posta una particolare enfasi sulle attività di laboratorio e sulla capacità di acquisire conoscenze psicopedagogiche. Questi elementi contribuiscono a formare una base solida per i futuri insegnanti.

La simulazione dell’insegnamento costituisce un elemento cruciale di questa valutazione. Qui, i partecipanti devono dimostrare la loro abilità nel condurre una lezione usando le più moderne tecnologie digitali e multimediali a disposizione.

Questo non solo testa le loro competenze didattiche. Li prepara anche a utilizzare efficaci strumenti digitali che possono arricchire l’esperienza di apprendimento degli studenti.

60 CFU Università degli studi di Genova

Da quanto detto, coloro che ambiscono a diventare insegnanti hanno sicuramente compreso l’importanza dei 60 CFU abilitanti dell’Università di Genova. È evidente, però, come tali soggetti abbiano bisogno di ulteriori dettagli in merito.

Tuttavia, al momento, il governo non ha ancora rilasciato tutte le istruzioni necessarie per iniziare questa formazione iniziale. 

Per fortuna, l’Università di Genova ha creato una pagina web dedicata agli aspiranti partecipanti. Su di essa verranno pubblicate tutte le informazioni tanto attese riguardanti i 60 CFU.

Ora non ci resta che aspettare con trepidazione le prossime azioni e comunicazioni che saranno diffuse dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Così che gli aspiranti docenti potranno finalmente iniziare il loro percorso di formazione adeguata.

SCARICA il PDF del DPCM 60 CFU (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023)

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

aspiranti docenti sorridono durante percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

I corsi e i posti disponibili dei percorsi universitari abilitanti (SCARICA PDF)

In attesa della definitiva pubblicazione dei due importanti decreti ministeriali relativi alla definizione delle quote di riserva e all’emanazione delle autorizzazioni necessarie per l’inizio dei nuovi percorsi universitari abilitanti sulla base dell’effettiva sostenibilità, già al centro di un’informativa tra le organizzazioni sindacali e i Ministeri dell’Istruzione e del Merito (MIM)

Leggi l'Articolo
in merito ai percorsi abilitanti da 30 CFU, viene da chiedersi se i 5 giorni di permesso per formazione potranno essere richiesti al fine di partecipare al corso di abilitazione.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi 30 CFU: Concessi i 5 Giorni di Permesso per Formazione

La Riforma della formazione iniziale per docenti e continua e del reclutamento dei docenti ha introdotto la novità dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale abilitante.  I primi a partire saranno quelli da 30 CFU rivolti ai docenti già abilitati su una classe di concorso o su un altro

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti seguono una lezione dei percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

Chi ha i 24 CFU deve fare i 60? Ecco cosa sapere

Fino al 31 ottobre 2022 era possibile acquisire i 24 CFU per l’insegnamento, che resteranno validi fino al 31 dicembre 2024 per l’accesso ai concorsi a cattedra, ma a partire dal 1° gennaio 2025 per candidarsi ai concorsi per docenti sarà indispensabile disporre dell’abilitazione all’insegnamento, ottenibile tramite i percorsi abilitanti

Leggi l'Articolo
docente in classe mentre spuega la lezione alla lavagna
60 CFU
Giuseppe Montone

Seconda abilitazione docenti di ruolo: i percorsi da 30 CFU

Con l’adozione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, sancita dalla Legge di conversione n. 79 del 29 giugno 2022 che modifica il decreto n. 36 del 30 aprile 2022, sono stati istituiti nuovi percorsi formativi per conseguire l’abilitazione all’insegnamento, tra cui i percorsi da

Leggi l'Articolo
docente spiega la lezione agli alunni
60 CFU
Giuseppe Montone

Guida all’abilitazione all’insegnamento

L’abilitazione all’insegnamento rappresenta un passaggio fondamentale per aspirare alla carriera docente, essendo un prerequisito sia per l’ingresso nella professione che per la successiva stabilizzazione del rapporto di lavoro. Questo processo acquisisce importanza in un contesto educativo in continua evoluzione, dove si richiede una formazione specifica e approfondita. La recente Riforma

Leggi l'Articolo