60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Riforma Bianchi, il percorso 30 CFU

Riforma Bianchi, il percorso 30 CFU

La Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, stipulata nella legge n. 79 del 29 giugno 2022, sotto l’egida dell’ex Ministro Bianchi, ha delineato un nuovo percorso formativo accademico di 60 CFU/CFA, sostituendo il vecchio criterio dei 24 CFU. Questo ha comportato anche un aggiornamento nelle procedure di selezione esclusivamente per gli insegnanti delle scuole Secondarie di primo e secondo grado.

Nel dettaglio, i 60 CFU/CFA riguardano crediti formativi universitari nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche e linguistiche.

La sequenza per l’assunzione dei futuri educatori si svolgerà secondo il seguente schema: 

  • laurea magistrale (triennale per ITP) + percorso di abilitazione di 60 CFU/CFA + concorso + anno di prova in servizio con test finale e valutazione conclusiva.

Da segnalare, tuttavia, un periodo di transizione che durerà fino al 31 dicembre 2024. Durante questa fase, coloro che hanno acquisito 24 CFU entro il 31 ottobre 2022 potranno ancora accedere ai concorsi. Oltre ai corsi da 60 CFU sono, però, previsti anche percorsi formativi di 30 e 36 CFU.

Contenuto del DPCM 60 CFU

Secondo le linee guida del Ministero, i programmi delineati nella Riforma Bianchi (60 CFU, 30 CFU e 36 CFU) dovrebbero partire entro gennaio 2025

Contemporaneamente, si attende la pubblicazione ufficiale del testo finale del DPCM 60 CFU in Gazzetta Ufficiale.

Questo rilevante decreto, firmato all’inizio di agosto dal Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, è frutto di intensi colloqui e interazioni con la Commissione Europea e le principali entità sindacali.

Il documento in questione riveste un ruolo chiave per l’implementazione dei prossimi itinerari formativi abilitanti.

In termini più precisi, si prevede che il DPCM chiarisca sia i contenuti che l’organizzazione dell’offerta formativa inerente ai 60 CFU/CFA.

Oltre a questo, il decreto dovrà anche fare chiarezza sulle seguenti questioni:

  • il numero di crediti universitari o accademici riservati alla formazione inclusiva delle persone con disabilità;
  • il numero di ore minimo di presenze alle attività formative necessarie per l’accesso alla prova finale; 
  • le modalità di svolgimento della prova scritta e orale relative alla prova finale del percorso formativo.

Riforma Bianchi, i 5 percorsi di formazione abilitante

L’implementazione della Riforma voluta dall’ex Ministro Bianchi renderà l’acquisizione dei 60 CFU un requisito obbligatorio per tutti gli aspiranti docenti. Si tratterà, infatti, di un requisito imprescindibile per la partecipazione ai concorsi a cattedra.

Fino al 31 dicembre 2024 è, tuttavia, prevista una fase di transizione durante la quale i futuri docenti potranno soddisfare i requisiti con una quantità inferiore di CFU, ossia 30 o 36.

Al momento, pertanto, sono 5 i percorsi di formazione previsti:

  1. 60 CFU: Questa categoria sarà pienamente operativa nel 2025, quando l’abilitazione diventerà un prerequisito obbligatorio per partecipare ai concorsi di insegnamento.
  1. 30 CFU: Questo percorso è destinato a docenti già abilitati o qualificati in una diversa classe di concorso o livello di istruzione.
  1. 30 CFU: Questa opzione è riservata ai docenti con almeno tre anni di esperienza nelle scuole statali o paritarie, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso, e a coloro che hanno superato la prova concorsuale del concorso “straordinario bis”.
  1. 30 CFU: Questo percorso si rivolge ai neolaureati o a coloro che non hanno conseguito i 24 CFU entro il 31 ottobre 2022 (validi per l’accesso ai concorsi fino alla fine del 2024), con ulteriori crediti da acquisire in caso di successo in un concorso.
  1. 30 o 36 CFU: Questa categoria riguarda coloro che si candidano ai concorsi senza avere già l’abilitazione all’insegnamento. Vi sono tre varianti di percorsi post-concorso in questa categoria: 

  • 30 CFU per chi si candida con il titolo di accesso più tre anni di servizio negli ultimi cinque anni nella scuola statale, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso per la quale si partecipa;
  • 30 CFU per chi partecipa al concorso con soli 30 CFU;
  • 36 CFU per chi si candida con il titolo di accesso più 24 CFU acquisiti entro il 31 ottobre 2022.

Percorso 30 CFU: programma del percorso di abilitazione 

È essenziale evidenziare come i vari percorsi di formazione differiscano non solo in termini di contenuto e struttura, ma siano anche specificamente delineati per ciascuna classe di concorso.

Si intuisce, quindi, come il contenuto dei percorsi post-concorso da 30 CFU possa variare a seconda che il candidato al concorso abbia già accumulato almeno 30 CFU o abbia maturato 3 anni di servizio nelle scuole.

Data questa complessità, è inevitabile che ci voglia del tempo prima che le università riescano a implementare e organizzare questi programmi di formazione.

Percorso 30 CFU: i percorsi abilitanti seconda abilitazione

I docenti già abilitati per una specifica classe di concorso o grado di istruzione, così come quelli specializzati nel sostegno, avranno l’opportunità di acquisire ulteriori abilitazioni in altre classi di concorso o gradi di istruzione. A patto, ovviamente, di possedere i titoli di studio richiesti per la classe di concorso desiderata. 

Per raggiungere tale scopo, dovranno ottenere 30 CFU attraverso percorsi accademici e universitari di formazione iniziale, focalizzati su metodologie e tecnologie didattiche applicate alle materie specifiche di interesse.

A seguito delle modifiche introdotte dal Decreto Legge PA bis, i 30 CFU dedicati a metodologie e tecnologie didattiche possono ora essere acquisiti anche tramite modalità telematiche sincrone. Superando la precedente soglia massima del 20%, ma solo presso centri accreditati che offrono programmi di formazione.

In aggiunta, il requisito del tirocinio diretto di 10 CFU è stato revocato.

Percorso 30 CFU: percorsi abilitanti per i docenti con 3 anni di servizio e per i vincitori del Concorso Straordinario bis

Gli aspiranti docenti che abbiano prestato servizio nelle scuole statali o paritarie per almeno 3 anni negli ultimi 5 anni, di cui almeno un anno nella specifica classe di concorso di interesse, avranno l’opportunità di acquisire l’abilitazione attraverso percorsi ad hoc.

La stessa opportunità sarà concessa anche a coloro che hanno vinto il Concorso Straordinario bis.

In entrambe le situazioni, l’abilitazione potrà essere ottenuta attraverso programmi di abilitazione da 30 CFU.

Percorso 30 CFU: percorsi di abilitazione prima e dopo il Concorso

Fino al termine dell’anno 2024, l’ingresso ai concorsi per l’insegnamento sarà consentito anche a coloro che hanno raggiunto soltanto 30 CFU/CFA nel corso di formazione. 

Tuttavia, i candidati che trionfano nel concorso, avendo accumulato solo 30 crediti formativi universitari e accademici, saranno obbligati a portare a termine la formazione iniziale con altri 30 CFU/CFA. In aggiunta, dovranno affrontare e superare l’esame finale di abilitazione nel corso del loro primo anno di impiego a tempo determinato.

Anche in questa circostanza, sarà il DPCM 60 CFU, attualmente in fase di pubblicazione, a definire il quadro dell’offerta formativa relativa ai 30 CFU/CFA necessari per la partecipazione al concorso.

Possiamo, però, anticipare che il percorso da 30 CFU/CFA per gli aspiranti docenti che vogliono partecipare al concorso prevede: 

Contenuto dei percorsiCFU/CFA
Discipline di area pedagogica6
Tirocinio diretto5
Formazione inclusiva delle persone con BES3
Disciplina di area linguistico-digitale3
Discipline psico-socio-antropologiche4
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento9

La bozza del decreto attuativo definisce anche il percorso da 30 CFU per i vincitori del concorso:

Contenuto dei percorsiCFU/CFA
Discipline di area pedagogica4
Tirocinio indiretto15
Didattica delle discipline, linguaggio delle discipline, Metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento9
Discipline relative all’acquisizione di competenze nell’ambito della legislazione scolastica2

Percorsi abilitanti per i vincitori di concorso precari con 3 anni di servizio 

Il DPCM 60 CFU, la cui pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è attesa a breve, stabilisce anche i percorsi di abilitazione per gli insegnanti vincitori di concorso che hanno almeno 3 anni di servizio (anche discontinui) nelle scuole statali nell’arco degli ultimi 5 anni. È importante precisare che almeno un anno di servizio deve essere stato svolto nella specifica classe di concorso a cui si aspira.

Gli stessi dovranno acquisire i 30 CFU mancanti durante il primo anno di immissione in servizio a tempo determinato:

Contenuto dei PercorsiCFU/CFA
Discipline di area pedagogica4
Formazione inclusiva delle persone con BES3
Discipline di area linguistico-digitale3
Discipline psico-socio-antropologiche3
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline6
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline2
Tirocinio indiretto9

SCARICA la bozza DPCM 60 CFU

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

Entro i mesi di novembre/dicembre del 2024, i percorsi abilitanti per docenti di scuola secondaria che termineranno sono di tre tipi
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti docenti secondaria: quando termineranno i primi?

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha previsto un secondo Concorso docenti atteso per i mesi di Novembre/Dicembre del 2024. Ne consegue che, con molta probabilità, i suddetti mesi saranno gli stessi in cui termineranno i primi percorsi abilitanti per i docenti di scuola secondaria.  Docenti abilitati con

Leggi l'Articolo
L’assegnazione provvisoria, al termine dei percorsi abilitanti, può essere richiesta dai docenti di ruolo dall’anno scolastico precedente.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti: a chi è concessa l’assegnazione provvisoria

La Riforma Bianchi, legge n. 79 del 29 giugno 2022 (conversione in legge – con modificazioni – del decreto n. 36 del 30 aprile 2022) ha introdotto un nuovo metodo di reclutamento del personale docente: i percorsi abilitanti. Scopriremo, nel corso dell’articolo, quali sono i casi in cui è contemplata

Leggi l'Articolo
un'aspirante docente poco prima di parteciapre ad un percorso formativo
60 CFU
Giuseppe Montone

60 CFU e TFA Sostegno: domande frequenti | FAQ | 60 CFU

L’implementazione dei percorsi universitari e accademici per la formazione iniziale, necessaria per l’abilitazione degli aspiranti insegnanti di posto comune (inclusi gli insegnanti tecnico-pratici, ITP) nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, ha completamente trasformato il processo di reclutamento degli insegnanti. Il provvedimento, entrato in vigore nel 2022 continua, tuttavia,

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti durante una lezione dei percorsi abilitanti da 36 CFU/CFA
60 CFU
Giuseppe Montone

Percorsi abilitanti 36 CFU

Il Ministero dell’Università e della Ricerca ha definito i dettagli operativi per l’attivazione dei nuovi percorsi abilitanti per docenti, articolati in moduli da 60, 30 e 36 CFU/CFA. Queste misure, introdotte con la legge n. 79 del 29 giugno 2022 mirano a riformare il sistema di formazione e reclutamento degli

Leggi l'Articolo
Il DPCM 4 agosto 2023 ha fissato un tetto massimo per i costi dei percorsi abilitanti.
60 CFU
Rosalia Cimino

I costi dei percorsi abilitanti

In partenza i percorsi abilitanti per i docenti. L’attesa è terminata con la pubblicazione del Decreto numero 621, emanato dal Ministero dell’Università e della Ricerca il 22 aprile 2024, che regola l’inizio dei corsi di formazione iniziale per i futuri insegnanti. Scopriamo quali sono i costi dei percorsi abilitanti. Quanto

Leggi l'Articolo
In partenza i percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: le pagine delle Università iniziano ad essere aggiornate, nell’attesa dei relativi bandi.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: ecco le pagine delle Università

In partenza i percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: le pagine delle Università iniziano ad essere aggiornate, nell’attesa dei relativi bandi. In merito, ricordiamo che il Presidente del Consiglio dei Ministri, con proprio decreto del 4 agosto 2023, ha definito le nuove modalità per la formazione iniziale dei docenti

Leggi l'Articolo