60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Concorso docenti 2023, convocati i sindacati

Concorso docenti 2023, convocati i sindacati

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) ha convocato i sindacati rappresentativi del settore scolastico per lunedì 3 luglio alle 11:30 al fine di discutere delle ultime novità riguardanti i concorsi docenti 2023 e i 60 Crediti Formativi Universitari (CFU). L’incontro coprirà sia i posti comuni che quelli di sostegno, che interessano tutte le fasce scolastiche, dalla scuola dell’Infanzia e Primaria fino alla Secondaria.

L’Associazione Nazionale Insegnanti e Formatori (Anief) ha diffuso la notizia attraverso il proprio sito web, fornendo anticipazioni sui contenuti che verranno affrontati durante l’incontro.

Il testo integrale della Convocazione del MIM

Questo è il testo integrale della Convocazione trasmessa dal Ministero dell’Istruzione e del Merito ai sindacati rappresentativi del comparto Istruzione e Ricerca:

Le Organizzazioni Sindacali in indirizzo sono invitate a partecipare alla riunione di informativa che si terrà il giorno lunedì 03 luglio 2023, alle ore 11.00, con il seguente ordine del giorno:

  • informativa in merito allo Schema di Decreto ministeriale relativo ai concorsi per la scuola dell’infanzia e primaria su posto comune e di sostegno;
  • informativa in merito allo Schema di Decreto ministeriale relativo ai concorsi per la scuola secondaria su posto comune e di sostegno;
  • informativa sulle Linee guida per le discipline STEM.

Concorsi docenti 2023: i temi dell’incontro

Sulla base di quanto anticipato da ANIEF, l’incontro dovrebbe riguardare le recenti novità introdotte dal Decreto legge PA2

Nello specifico:

  • accelerazione delle procedure concorsuali per l’assunzione di docenti nel quadro del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR);
  • Riforma del reclutamento e formazione iniziale degli insegnanti, nell’ambito del PNRR;
  • rafforzamento della capacità amministrativa del Ministero dell’Istruzione e del Merito;
  • situazione dei docenti “ingabbiati”, ovvero insegnanti già assunti in ruolo che desiderano cambiare ruolo, grado d’istruzione o specializzarsi nel sostegno, ma che non dispongono dell’abilitazione necessaria per i posti comuni;
  • regolamentazione dei nuovi corsi abilitanti e delle modalità di erogazione dei corsi privati, superando le restrizioni precedenti.

Concorsi docenti 2023: novità in arrivo

L’incontro tra i sindacati e il Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) previsto per lunedì si prospetta come un evento di notevole interesse, poiché si prevede l’annuncio di importanti novità.

Tra i vari argomenti all’ordine del giorno, uno dei principali riguarda il Decreto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) relativo ai 60 Crediti Formativi Universitari (CFU) per i nuovi percorsi di formazione abilitante. L’emanazione di tale decreto è prevista a breve termine. E ciò consentirà l’avvio di tali percorsi già a partire dal prossimo anno accademico, aprendo nuove opportunità per la formazione degli insegnanti.

Inoltre, si attendono anche aggiornamenti sul Concorso straordinario ter, annunciato dal MIM già a partire dal 6 aprile. Tuttavia, negli ultimi tempi, si è riscontrato un prolungato periodo di silenzio riguardo a questo concorso, suscitando curiosità e aspettative tra gli aspiranti docenti e il settore scolastico in generale.

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

alcuni aspiranti docenti laureandi prima di partecipare al percorso da 60 CFU
60 CFU
Giuseppe Montone

Percorsi abilitanti da 60 CFU per laureandi con 180 CFU: cosa bisogna sapere?

Con l’attuazione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, introdotta dalla legge n. 79 del 29 giugno 2022, conosciuta anche come Riforma Bianchi, si profilano importanti novità per i percorsi abilitanti.  Dopo l’avvio dei percorsi da 30 CFU/CFA riservati a docenti già abilitati su una

Leggi l'Articolo
un cartoncino con la scritta FAQ intagliata
60 CFU
Giuseppe Montone

MUR: le FAQ dei percorsi abilitanti da 30, 36 e 60 CFU

Attualmente, tra i percorsi abilitanti introdotti dalla Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti (Legge n. 79 del 29 giugno 2022, conversione del decreto n. 36 del 30 aprile 2022) voluta dall’ex Ministro Patrizio Bianchi e confermata dall’attuale Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, sono

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti in un'aula unversitaria per i percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

I sindacati chiedono il pieno riconoscimento dei 24 CFU nei percorsi abilitanti da 60 CFU

Le principali sigle sindacali del comparto scuola, FLC CGIL, CISL FSUR, SNALS Confsal e GILDA Unams, hanno sollecitato un chiarimento urgente al Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) e al Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) riguardo al riconoscimento dei crediti formativi universitari (CFU) nei nuovi percorsi abilitanti. La richiesta

Leggi l'Articolo
alcuni aspiranti docenti prima di entrare in aula per un percorso abilitante
60 CFU
Giuseppe Montone

30 e 60 CFU, in quante università si può presentare domanda?

Per i percorsi abilitanti da 30 CFU/CFA, riservati ai docenti già abilitati su una classe di concorso o in possesso della specializzazione sul sostegno, non esistono limiti di iscrizione poiché questi corsi possono essere svolti interamente online e sono attualmente gli unici già attivati. Tuttavia, per gli altri percorsi abilitanti,

Leggi l'Articolo