60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Concorso docenti 2023, convocati i sindacati

Concorso docenti 2023, convocati i sindacati

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) ha convocato i sindacati rappresentativi del settore scolastico per lunedì 3 luglio alle 11:30 al fine di discutere delle ultime novità riguardanti i concorsi docenti 2023 e i 60 Crediti Formativi Universitari (CFU). L’incontro coprirà sia i posti comuni che quelli di sostegno, che interessano tutte le fasce scolastiche, dalla scuola dell’Infanzia e Primaria fino alla Secondaria.

L’Associazione Nazionale Insegnanti e Formatori (Anief) ha diffuso la notizia attraverso il proprio sito web, fornendo anticipazioni sui contenuti che verranno affrontati durante l’incontro.

Il testo integrale della Convocazione del MIM

Questo è il testo integrale della Convocazione trasmessa dal Ministero dell’Istruzione e del Merito ai sindacati rappresentativi del comparto Istruzione e Ricerca:

Le Organizzazioni Sindacali in indirizzo sono invitate a partecipare alla riunione di informativa che si terrà il giorno lunedì 03 luglio 2023, alle ore 11.00, con il seguente ordine del giorno:

  • informativa in merito allo Schema di Decreto ministeriale relativo ai concorsi per la scuola dell’infanzia e primaria su posto comune e di sostegno;
  • informativa in merito allo Schema di Decreto ministeriale relativo ai concorsi per la scuola secondaria su posto comune e di sostegno;
  • informativa sulle Linee guida per le discipline STEM.

Concorsi docenti 2023: i temi dell’incontro

Sulla base di quanto anticipato da ANIEF, l’incontro dovrebbe riguardare le recenti novità introdotte dal Decreto legge PA2

Nello specifico:

  • accelerazione delle procedure concorsuali per l’assunzione di docenti nel quadro del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR);
  • Riforma del reclutamento e formazione iniziale degli insegnanti, nell’ambito del PNRR;
  • rafforzamento della capacità amministrativa del Ministero dell’Istruzione e del Merito;
  • situazione dei docenti “ingabbiati”, ovvero insegnanti già assunti in ruolo che desiderano cambiare ruolo, grado d’istruzione o specializzarsi nel sostegno, ma che non dispongono dell’abilitazione necessaria per i posti comuni;
  • regolamentazione dei nuovi corsi abilitanti e delle modalità di erogazione dei corsi privati, superando le restrizioni precedenti.

Concorsi docenti 2023: novità in arrivo

L’incontro tra i sindacati e il Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) previsto per lunedì si prospetta come un evento di notevole interesse, poiché si prevede l’annuncio di importanti novità.

Tra i vari argomenti all’ordine del giorno, uno dei principali riguarda il Decreto del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) relativo ai 60 Crediti Formativi Universitari (CFU) per i nuovi percorsi di formazione abilitante. L’emanazione di tale decreto è prevista a breve termine. E ciò consentirà l’avvio di tali percorsi già a partire dal prossimo anno accademico, aprendo nuove opportunità per la formazione degli insegnanti.

Inoltre, si attendono anche aggiornamenti sul Concorso straordinario ter, annunciato dal MIM già a partire dal 6 aprile. Tuttavia, negli ultimi tempi, si è riscontrato un prolungato periodo di silenzio riguardo a questo concorso, suscitando curiosità e aspettative tra gli aspiranti docenti e il settore scolastico in generale.

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

aspiranti docenti sorridono durante percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

I corsi e i posti disponibili dei percorsi universitari abilitanti (SCARICA PDF)

In attesa della definitiva pubblicazione dei due importanti decreti ministeriali relativi alla definizione delle quote di riserva e all’emanazione delle autorizzazioni necessarie per l’inizio dei nuovi percorsi universitari abilitanti sulla base dell’effettiva sostenibilità, già al centro di un’informativa tra le organizzazioni sindacali e i Ministeri dell’Istruzione e del Merito (MIM)

Leggi l'Articolo
in merito ai percorsi abilitanti da 30 CFU, viene da chiedersi se i 5 giorni di permesso per formazione potranno essere richiesti al fine di partecipare al corso di abilitazione.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi 30 CFU: Concessi i 5 Giorni di Permesso per Formazione

La Riforma della formazione iniziale per docenti e continua e del reclutamento dei docenti ha introdotto la novità dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale abilitante.  I primi a partire saranno quelli da 30 CFU rivolti ai docenti già abilitati su una classe di concorso o su un altro

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti seguono una lezione dei percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

Chi ha i 24 CFU deve fare i 60? Ecco cosa sapere

Fino al 31 ottobre 2022 era possibile acquisire i 24 CFU per l’insegnamento, che resteranno validi fino al 31 dicembre 2024 per l’accesso ai concorsi a cattedra, ma a partire dal 1° gennaio 2025 per candidarsi ai concorsi per docenti sarà indispensabile disporre dell’abilitazione all’insegnamento, ottenibile tramite i percorsi abilitanti

Leggi l'Articolo
docente in classe mentre spuega la lezione alla lavagna
60 CFU
Giuseppe Montone

Seconda abilitazione docenti di ruolo: i percorsi da 30 CFU

Con l’adozione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, sancita dalla Legge di conversione n. 79 del 29 giugno 2022 che modifica il decreto n. 36 del 30 aprile 2022, sono stati istituiti nuovi percorsi formativi per conseguire l’abilitazione all’insegnamento, tra cui i percorsi da

Leggi l'Articolo
docente spiega la lezione agli alunni
60 CFU
Giuseppe Montone

Guida all’abilitazione all’insegnamento

L’abilitazione all’insegnamento rappresenta un passaggio fondamentale per aspirare alla carriera docente, essendo un prerequisito sia per l’ingresso nella professione che per la successiva stabilizzazione del rapporto di lavoro. Questo processo acquisisce importanza in un contesto educativo in continua evoluzione, dove si richiede una formazione specifica e approfondita. La recente Riforma

Leggi l'Articolo