60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Nuovi percorsi abilitanti 60 CFU Unipi

percorsi abilitanti 60 CFU Unipi

Condividi Articolo

Il Decreto-Legge n. 36 del 30 aprile 2022 ha scosso profondamente il panorama della selezione dei docenti. Lo si vede anche nel suo legame con i percorsi abilitanti di 60 CFU Unipi

Questo atto ha gettato le basi per una nuova visione dell’addestramento dei futuri insegnanti. Ciò concentrandosi in particolare su coloro destinati alle scuole secondarie di I e II grado.

L’intento primario di questa iniziativa è ridefinire l’educazione degli aspiranti docenti. Il tutto superando il concetto tradizionale di abilitazione e aprendo le porte a una carriera solida e promettente nel mondo dell’istruzione. 

Non bisogna, però, trascurare l’importanza fondamentale delle direttive stabilite nel DPCM 60 CFU. Si tratta dell Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 agosto 2023.

Lo stesso è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023. Ha delineato in modo dettagliato il quadro normativo per il processo di selezione e abilitazione.

Altrettanto rilevante è l’approvazione delle Linee guida ANVUR. Esse sono strettamente legate all’accreditamento iniziale dei percorsi abilitanti per gli anni accademici 2023-2024 e 2024-2025.  

Accesso ai percorsi abilitanti 60 CFU Unipi

Partecipare ai percorsi abilitanti 60 CFU Unipi serve a una vasta gamma di persone. Sono particolarmente significativi, infatti, per coloro che mirano a potenziare le loro opportunità professionali.

Tale tipo di programma offre un’occasione unica a chiunque punti a far progredire la propria carriera. Tuttavia, gli aspiranti docenti devono possedere una chiara comprensione delle regole e dei requisiti.

La fase iniziale cruciale riguarda un’attenta analisi dei criteri di ammissione per i corsi offerti dall’Università degli Studi di Pisa. 

Possono variare in base alla situazione individuale di ciascun candidato, richiedendo un’attenta valutazione e preparazione.

Per ottenere una visione più chiara di tali requisiti, è utile esaminare un esempio pratico. Di seguito è riportata una tabella esaustiva che illustra alcuni dei requisiti necessari per l’ammissione ai corsi abilitanti.

classi di concorso 60 CFU Unifg
Percorso CFUDestinatariRequisiti
60 CFULaureati
60 CFUITPDiploma fino al 31 dicembre 2024. Dal 1° gennaio 2025: laurea
60 CFUStudenti in corsi di studio per insegnantiAcquisizione di almeno 180 CFU

Le attività formative percorsi abilitanti 60 CFU Unipi

Un tema cruciale da esplorare riguarda l’organizzazione delle attività formative. Ciò in particolar modo nell’ambito dei percorsi abilitanti 60 CFU Unipi.

Il fulcro normativo in questione è rappresentato dal già citato Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 agosto 2023. 

Per ottenere una comprensione approfondita in merito, è indispensabile consultare la tabella esaustiva che segue.

La seguente tabella si focalizza sulle attività formative richieste per conseguire l’abilitazione oggetto di studio. Il tutto, ovviamente, segue quanto voluto e promosso dal Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Attività formativeCFU/CFA
Discipline di area pedagogica10
Tirocinio diretto e indiretto20
Formazione inclusiva delle persone con BES3
Disciplina di area linguistico-digitale3
Disciplina psico-socio-antropologiche4
Metodologie didattiche: introduzione ai modelli di mediazione didattica per la secondaria2
Didattiche delle discipline e metodologie delle discipline di riferimento (delle classi di concorso)16
Discipline relative all’acquisizione di competenze nell’ambito della legislazione scolastica2

Svolgimento percorsi 60 CFU

I percorsi formativi 60 CFU Unipi sono un elemento integrante di un approccio accademico mirato. Essi evidenziano l’impegno dell’istituzione nel ridefinire il processo di selezione dei docenti.

Questi programmi rispettano scrupolosamente le linee guida ministeriali e delineano chiaramente il tragitto per i futuri candidati:

  • una formazione universitaria dedicata per ottenere l’abilitazione necessaria;
  • la partecipazione a un concorso pubblico nazionale, un passo cruciale nel processo di selezione;
  • un periodo di prova pratico sul campo, consentendo l’applicazione delle competenze acquisite.

Questa procedura non solo soddisfa i requisiti ministeriali, ma rappresenta anche un modello innovativo nel reclutamento accademico. Esso valuta l’entusiasmo dei candidati verso l’eccellenza e la loro idoneità professionale nel mondo accademico.

L’Università di Pisa

I corsi universitari di 60 CFU presso l’Università di Pisa sono profondamente legati all’aggiornamento dei docenti delle scuole secondarie.

L’ateneo pisano si è proposto come partner del Ministero dell’Istruzione per giocare un ruolo attivo in questo percorso formativo. L’obiettivo è quello di ospitare uno dei prossimi programmi di formazione, ma questo richiede l’approvazione ministeriale.

Per questo motivo, l’università ha creato una pagina web dedicata per tenere aggiornati gli interessati sulle ultime notizie riguardanti questo progetto.

SCARICA il PDF del DPCM 60 CFU (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023)

Altri Articoli

Scarica in Omaggio
il Nostro Dossier sui 60 CFU