60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

60 CFU DPCM, CUN chiede modifiche 

60 CFU DPCM, CUN chiede modifiche 

La bozza del DPCM 0 CFU relativo ai percorsi abilitanti per i docenti della scuola secondaria di secondo grado ha ottenuto il parere favorevole da parte di importanti organi decisionali del settore.

Vale a dire:

  • Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI); 
  • Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI);
  • Consiglio Universitario Nazionale (CUN). 

Nonostante i pareri favorevoli ricevuti, i rettori delle università italiane hanno avanzato alcune proposte di modifica alla bozza del DPCM. In particolare, hanno evidenziato la necessità di considerare le limitate tempistiche previste per l‘implementazione dei percorsi abilitanti. E hanno sottolineato la rigidità di alcuni requisiti proposti. 

Queste considerazioni derivano dalla volontà di assicurare una transizione agevole verso i nuovi percorsi di abilitazione che prevedono l’acquisizione di 60 crediti formativi universitari (CFU). Evitando possibili problematiche logistiche e garantendo una partecipazione ampia e inclusiva.

60 CFU DPCM, CUN chiede modifiche 

Nello specifico, il Consiglio Universitario Nazionale (CUN) propone alcune modifiche all’articolo 4 del DPCM in merito ai requisiti e alla procedura di accreditamento dei percorsi di formazione iniziale per i docenti.

A non convincere il CUN è, in particolare, il comma 4:

  • “l’indicazione dei docenti del percorso formativo, con compiti di insegnamento e tutoraggio, di cui due docenti di ruolo o a tempo determinato presso l’istituzione della formazione superiore che ha individuato il Centro, i quali sono individualmente responsabili di almeno sei CFU o CFA riservati alla didattica frontale ovvero laboratoriale del percorso formativo”.  

Le Università suggeriscono, più nel dettaglio, l’eliminazione del requisito di insegnamenti specifici da 6 crediti, proponendo invece l’utilizzo del termine “responsabili di crediti” nelle aree di insegnamento multisettoriali. Se ciò non fosse accettato, l’indicazione risulterebbe impraticabile. Inoltre, le Università ritengono essenziale stabilire che almeno uno dei docenti provenga dalle aree di insegnamento “comuni” a tutte le classi di concorso.

La posizione del MIM in merito alle tempistiche del processo di accreditamento

Un aspetto di notevole importanza riguarda le tempistiche del processo di accreditamento, come specificato nei commi 5-9. Tuttavia, le Università evidenziano l’incompatibilità delle attuali tempistiche con l’attivazione dei percorsi nel prossimo anno accademico.

La prossimità delle scadenze stabilite dai commi 1 e 2 dell’articolo 13 del DPCM – rispettivamente il 31 maggio 2024 e il 28 febbraio 2024 – appare particolarmente problematica.

Inoltre, il Consiglio Universitario Nazionale (CUN) ritiene essenziale avere una conoscenza più precisa del numero di aspiranti docenti da ammettere alla formazione e, di conseguenza, al reclutamento.

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha comunicato che alcune proposte di modifica verranno prese in considerazione, tuttavia, tali modifiche dovranno essere compatibili con l’architettura del DPCM 60 CFU già consolidata in seguito agli accordi con la Commissione Europea.

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

Entro i mesi di novembre/dicembre del 2024, i percorsi abilitanti per docenti di scuola secondaria che termineranno sono di tre tipi
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti docenti secondaria: quando termineranno i primi?

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha previsto un secondo Concorso docenti atteso per i mesi di Novembre/Dicembre del 2024. Ne consegue che, con molta probabilità, i suddetti mesi saranno gli stessi in cui termineranno i primi percorsi abilitanti per i docenti di scuola secondaria.  Docenti abilitati con

Leggi l'Articolo
L’assegnazione provvisoria, al termine dei percorsi abilitanti, può essere richiesta dai docenti di ruolo dall’anno scolastico precedente.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti: a chi è concessa l’assegnazione provvisoria

La Riforma Bianchi, legge n. 79 del 29 giugno 2022 (conversione in legge – con modificazioni – del decreto n. 36 del 30 aprile 2022) ha introdotto un nuovo metodo di reclutamento del personale docente: i percorsi abilitanti. Scopriremo, nel corso dell’articolo, quali sono i casi in cui è contemplata

Leggi l'Articolo
un'aspirante docente poco prima di parteciapre ad un percorso formativo
60 CFU
Giuseppe Montone

60 CFU e TFA Sostegno: domande frequenti | FAQ | 60 CFU

L’implementazione dei percorsi universitari e accademici per la formazione iniziale, necessaria per l’abilitazione degli aspiranti insegnanti di posto comune (inclusi gli insegnanti tecnico-pratici, ITP) nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, ha completamente trasformato il processo di reclutamento degli insegnanti. Il provvedimento, entrato in vigore nel 2022 continua, tuttavia,

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti durante una lezione dei percorsi abilitanti da 36 CFU/CFA
60 CFU
Giuseppe Montone

Percorsi abilitanti 36 CFU

Il Ministero dell’Università e della Ricerca ha definito i dettagli operativi per l’attivazione dei nuovi percorsi abilitanti per docenti, articolati in moduli da 60, 30 e 36 CFU/CFA. Queste misure, introdotte con la legge n. 79 del 29 giugno 2022 mirano a riformare il sistema di formazione e reclutamento degli

Leggi l'Articolo
Il DPCM 4 agosto 2023 ha fissato un tetto massimo per i costi dei percorsi abilitanti.
60 CFU
Rosalia Cimino

I costi dei percorsi abilitanti

In partenza i percorsi abilitanti per i docenti. L’attesa è terminata con la pubblicazione del Decreto numero 621, emanato dal Ministero dell’Università e della Ricerca il 22 aprile 2024, che regola l’inizio dei corsi di formazione iniziale per i futuri insegnanti. Scopriamo quali sono i costi dei percorsi abilitanti. Quanto

Leggi l'Articolo
In partenza i percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: le pagine delle Università iniziano ad essere aggiornate, nell’attesa dei relativi bandi.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: ecco le pagine delle Università

In partenza i percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: le pagine delle Università iniziano ad essere aggiornate, nell’attesa dei relativi bandi. In merito, ricordiamo che il Presidente del Consiglio dei Ministri, con proprio decreto del 4 agosto 2023, ha definito le nuove modalità per la formazione iniziale dei docenti

Leggi l'Articolo