60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

60 CFU insegnamento DPCM: a breve la pubblicazione

60 CFU insegnamento DPCM a breve la pubblicazione

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito e il Ministero dell’Università hanno raggiunto un accordo sulle modifiche da apportare al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) riguardante la formazione iniziale degli insegnanti.

Le modifiche sono state introdotte in risposta alle richieste provenienti da diversi organismi consultivi, tra cui l’ultimo parere fornito dal Consiglio Nazionale dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (Cnam).

Precedentemente, la bozza del DPCM era stata presentata alle organizzazioni sindacali e successivamente trasmessa al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI), al Consiglio Universitario per la Ricerca e la Formazione (CURI) e alla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) per ottenere i rispettivi pareri.

60 CFU insegnamento DPCM, le modifiche proposte dal CNAM

Il testo del DPCM 60 CFU è attualmente in fase di analisi da parte del Ministro degli Affari europei, Raffaele Fitto. Secondo fonti ministeriali, le modifiche proposte si concentrerebbero su aspetti settoriali di minore importanza

Tuttavia, non si prevede che queste influiscano sulla struttura generale del decreto concordata in precedenza con la Commissione europea. Quest’ultima avrà, tra l’altro, l’ultima parola dopo le integrazioni apportate nelle scorse settimane.

Il Cnam ha espresso un atteggiamento favorevole e ha avanzato richieste specifiche. Tra queste, il Cnam ha suggerito di specificare nel DPCM che l’Anvur, l’ente responsabile del monitoraggio e della valutazione periodica per l’accreditamento dei percorsi di formazione iniziale, possa fare affidamento anche sui controlli effettuati dagli organi di valutazione interna dei soggetti accreditati.

60 CFU insegnamento DPCM: i corsi ed i costi

I corsi previsti nell’ambito dell’attuazione della Riforma Bianchi saranno aperti ai candidati insegnanti che hanno conseguito una laurea magistrale o che sono iscritti a corsi magistrali o a ciclo unico, a condizione che abbiano acquisito almeno 180 crediti

Sono previsti casi speciali in cui saranno richiesti 30 o 36 CFU.

Il DPCM stabilisce un costo fisso di 2.500 euro per il conseguimento dei 60 CFU. Tuttavia, gli studenti già iscritti o che hanno già acquisito 24 CFU potranno beneficiare di un costo ridotto di soli 2.000 euro.

Si prevede che i percorsi formativi abbiano inizio nell’anno accademico 2023/24.

Prova finale per il conseguimento dei 60 CFU

La prova finale prevede una prova scritta e una lezione simulata, finalizzate a valutare le competenze professionali acquisite.

La prova scritta richiede una sintetica analisi critica di episodi, casi, situazioni e problematiche riscontrate durante il tirocinio diretto e indiretto svolto nel percorso di formazione iniziale.

La commissione valutatrice può assegnare un massimo di 10 punti sia per la prova scritta che per la lezione simulata. La prova finale sarà considerata superata se il candidato otterrà un punteggio di almeno 7 su 10 in entrambe le prove.

Il superamento della prova finale permetterà al candidato di ottenere l’abilitazione all’insegnamento per una specifica classe di concorso.

SCARICA la bozza DPCM 60 CFU

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

aspiranti docenti sorridono durante percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

I corsi e i posti disponibili dei percorsi universitari abilitanti (SCARICA PDF)

In attesa della definitiva pubblicazione dei due importanti decreti ministeriali relativi alla definizione delle quote di riserva e all’emanazione delle autorizzazioni necessarie per l’inizio dei nuovi percorsi universitari abilitanti sulla base dell’effettiva sostenibilità, già al centro di un’informativa tra le organizzazioni sindacali e i Ministeri dell’Istruzione e del Merito (MIM)

Leggi l'Articolo
in merito ai percorsi abilitanti da 30 CFU, viene da chiedersi se i 5 giorni di permesso per formazione potranno essere richiesti al fine di partecipare al corso di abilitazione.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi 30 CFU: Concessi i 5 Giorni di Permesso per Formazione

La Riforma della formazione iniziale per docenti e continua e del reclutamento dei docenti ha introdotto la novità dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale abilitante.  I primi a partire saranno quelli da 30 CFU rivolti ai docenti già abilitati su una classe di concorso o su un altro

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti seguono una lezione dei percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

Chi ha i 24 CFU deve fare i 60? Ecco cosa sapere

Fino al 31 ottobre 2022 era possibile acquisire i 24 CFU per l’insegnamento, che resteranno validi fino al 31 dicembre 2024 per l’accesso ai concorsi a cattedra, ma a partire dal 1° gennaio 2025 per candidarsi ai concorsi per docenti sarà indispensabile disporre dell’abilitazione all’insegnamento, ottenibile tramite i percorsi abilitanti

Leggi l'Articolo
docente in classe mentre spuega la lezione alla lavagna
60 CFU
Giuseppe Montone

Seconda abilitazione docenti di ruolo: i percorsi da 30 CFU

Con l’adozione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, sancita dalla Legge di conversione n. 79 del 29 giugno 2022 che modifica il decreto n. 36 del 30 aprile 2022, sono stati istituiti nuovi percorsi formativi per conseguire l’abilitazione all’insegnamento, tra cui i percorsi da

Leggi l'Articolo
docente spiega la lezione agli alunni
60 CFU
Giuseppe Montone

Guida all’abilitazione all’insegnamento

L’abilitazione all’insegnamento rappresenta un passaggio fondamentale per aspirare alla carriera docente, essendo un prerequisito sia per l’ingresso nella professione che per la successiva stabilizzazione del rapporto di lavoro. Questo processo acquisisce importanza in un contesto educativo in continua evoluzione, dove si richiede una formazione specifica e approfondita. La recente Riforma

Leggi l'Articolo