60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Abilitazione 60 CFU, a breve il DPCM: tutte le novità

Abilitazione 60 CFU, a breve il DPCM tutte le novità

È finalmente in fase di ultimazione il tanto atteso Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) relativo alla formazione degli insegnanti. Si tratta di un provvedimento attuativo di fondamentale importanza per garantire l’effettiva attuazione dell’abilitazione 60 CFU, introdotta dalla Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti.

Nel corso del pomeriggio odierno, alle 15:30, è previsto un incontro informativo con i rappresentanti sindacali, durante il quale verranno illustrati i contenuti del decreto. Successivamente, il testo sarà sottoposto alla valutazione e al parere del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI), della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) e del Consiglio Universitario Nazionale (CUN), al fine di acquisire le necessarie approvazioni.

Una volta completata tale fase, si procederà all’attesa firma ufficiale da parte del Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, che conferirà al decreto il suo carattere definitivo. Subito dopo, il provvedimento sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, rendendolo pienamente operativo.

È importante ricordare che l’emanazione di questo decreto era inizialmente prevista entro il 31 luglio 2022. Tuttavia, a causa di varie circostanze, tra cui la crisi di governo e alcune divergenze tra il Ministero dell’Istruzione e le Università, nonché la necessità di apportare alcune correzioni in accordo con la Commissione Europea, l’iter ha subito diversi annunci e rimandi. Ora, finalmente, siamo vicini alla sua definitiva pubblicazione.

Abilitazione 60 CFU: la Commissione europea

Il testo del tanto discusso DPCM 60 CFU è stato sottoposto a un’attenta analisi da parte della Commissione Europea nelle scorse settimane. Durante questo esame, sono emerse alcune osservazioni di rilievo riguardo all’omogeneità del processo di accreditamento e ai contenuti dei percorsi formativi.

La principale preoccupazione sollevata riguarda la limitata disponibilità di tempo per formare un gran numero di insegnanti. Di conseguenza, potrebbe essere necessario privilegiare maggiormente la formazione online, consentendo la partecipazione a corsi telematici fino al 35-40% del totale delle attività formative. Questa decisione risulterebbe particolarmente rilevante durante la fase in cui saranno valide le esigenze stabilite dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

All’interno del DPCM, dunque, potrebbe essere inclusa la possibilità per le università di adottare la didattica a distanza (DAD) per una percentuale massima non superiore al 35-40% delle ore di insegnamento. Tale modifica rappresenterebbe un adattamento significativo nell’ambito della formazione degli insegnanti, al fine di rispondere alle esigenze contingenti e alle disposizioni previste dal PNRR.

Il testo del DPCM 60 CFU

Il decreto emanato dal Presidente del Consiglio dei Ministri si occuperà, in primo luogo, di stabilire i contenuti e l’organizzazione dell’offerta formativa relativa ai 60 CFU/CFA. Di cui almeno 10 saranno dedicati all’area pedagogica. Inoltre, si richiederà che 20 CFU/CFA siano ottenuti attraverso attività di tirocinio sia diretto che indiretto. Sarà, inoltre, stabilito un obbligo minimo di 12 ore di presenza per ciascun CFU di tirocinio.

Questa disposizione riveste un ruolo di fondamentale importanza per garantire una formazione completa e di qualità agli aspiranti insegnanti. Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri rappresenterà un passo avanti nella definizione delle modalità di acquisizione di competenze e abilità indispensabili per il ruolo educativo.

Il DPCM dovrà, inoltre, definire:

  • il numero di crediti universitari o accademici riservati alla formazione inclusiva delle persone con disabilità;
  • il numero di ore minimo di presenze alle attività formative necessarie per l’accesso alla prova finale; 
  • le modalità di svolgimento della prova scritta e orale relative alla prova finale del percorso formativo.

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

Aula universitaria
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti: l’elenco dei posti per tutte le classi di concorso

51.753: è questo il totale dei posti per tutte le classi di concorso in riferimento ai percorsi abilitanti. A tal proposito, il Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) ha pubblicato le linee guida per l’attivazione dei percorsi abilitanti attraverso l’emanazione del decreto n.621 del 22 aprile 2024. Sono stati resi

Leggi l'Articolo
Entro i mesi di novembre/dicembre del 2024, i percorsi abilitanti per docenti di scuola secondaria che termineranno sono di tre tipi
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti docenti secondaria: quando termineranno i primi?

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha previsto un secondo Concorso docenti atteso per i mesi di Novembre/Dicembre del 2024. Ne consegue che, con molta probabilità, i suddetti mesi saranno gli stessi in cui termineranno i primi percorsi abilitanti per i docenti di scuola secondaria.  Docenti abilitati con

Leggi l'Articolo
L’assegnazione provvisoria, al termine dei percorsi abilitanti, può essere richiesta dai docenti di ruolo dall’anno scolastico precedente.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti: a chi è concessa l’assegnazione provvisoria

La Riforma Bianchi, legge n. 79 del 29 giugno 2022 (conversione in legge – con modificazioni – del decreto n. 36 del 30 aprile 2022) ha introdotto un nuovo metodo di reclutamento del personale docente: i percorsi abilitanti. Scopriremo, nel corso dell’articolo, quali sono i casi in cui è contemplata

Leggi l'Articolo
un'aspirante docente poco prima di parteciapre ad un percorso formativo
60 CFU
Giuseppe Montone

60 CFU e TFA Sostegno: domande frequenti | FAQ | 60 CFU

L’implementazione dei percorsi universitari e accademici per la formazione iniziale, necessaria per l’abilitazione degli aspiranti insegnanti di posto comune (inclusi gli insegnanti tecnico-pratici, ITP) nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, ha completamente trasformato il processo di reclutamento degli insegnanti. Il provvedimento, entrato in vigore nel 2022 continua, tuttavia,

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti durante una lezione dei percorsi abilitanti da 36 CFU/CFA
60 CFU
Giuseppe Montone

Percorsi abilitanti 36 CFU

Il Ministero dell’Università e della Ricerca ha definito i dettagli operativi per l’attivazione dei nuovi percorsi abilitanti per docenti, articolati in moduli da 60, 30 e 36 CFU/CFA. Queste misure, introdotte con la legge n. 79 del 29 giugno 2022 mirano a riformare il sistema di formazione e reclutamento degli

Leggi l'Articolo
Il DPCM 4 agosto 2023 ha fissato un tetto massimo per i costi dei percorsi abilitanti.
60 CFU
Rosalia Cimino

I costi dei percorsi abilitanti

In partenza i percorsi abilitanti per i docenti. L’attesa è terminata con la pubblicazione del Decreto numero 621, emanato dal Ministero dell’Università e della Ricerca il 22 aprile 2024, che regola l’inizio dei corsi di formazione iniziale per i futuri insegnanti. Scopriamo quali sono i costi dei percorsi abilitanti. Quanto

Leggi l'Articolo