60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Il percorso 60 CFU come funziona 

60 CFU come funziona

Il percorso dei 60 CFU come funziona realmente? Questa è una domanda di vitale importanza per chiunque ambisca a diventare insegnante nelle scuole italiane.

La sua rilevanza è ulteriormente accentuata dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri datato 4 agosto 2023

Esso è stato ufficialmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 224. Le novità DPCM 60 CFU, infatti, investono il nuovo metodo di reclutamento insegnanti.

Questo decreto rappresenta un passo cruciale nell’ambito della cosiddetta Riforma Bianchi. Un ambizioso progetto volto a rivoluzionare profondamente il processo di selezione degli insegnanti per le scuole secondarie di I e II grado.

In cosa consiste esattamente il percorso dei 60 CFU? Per ottenere una comprensione completa delle implicazioni di questa riforma, è essenziale esaminarne attentamente le fondamenta.

Percorso 60 CFU: come funziona?

Alla luce dei recenti sviluppi, è opportuno porsi qualche quesito. Dunque, il percorso 60 CFU come funziona? Come precedentemente menzionato, si tratta di un programma formativo di natura accademica.

Lo stesso è stato progettato per coloro che aspirano a diventare docenti nelle scuole secondarie di I e II grado. Questo percorso è altresì pensato per gli insegnanti tecnico-pratici.

Il suo scopo dichiarato è migliorare la professionalità dei futuri docenti adottando metodologie didattiche all’avanguardia. Inoltre, i soggetti in questione devono acquisire competenze linguistiche, digitali, pedagogiche e psicopedagogiche.

Tutto ciò è finalizzato a formare un corpo docente estremamente competente e preparato. La scuola ha bisogno di educatori in grado di fornire ai propri studenti una solida base culturale.

Tale percorso di formazione continua è allineato con la visione del Ministero dell’Istruzione. Quest’ultimo promuove l’aggiornamento costante e il miglioramento delle competenze degli insegnanti.

Come è strutturata la formazione iniziale?

Per acquisire una comprensione approfondita del processo dei 60 CFU e di come funzioni, è cruciale analizzarne le componenti in dettaglio.

È imperativo ottenere una chiara panoramica delle molteplici fasi che i candidati devono attraversare per raggiungere il loro obiettivo.

Il sistema di formazione iniziale e di accesso alla posizione di insegnante a tempo indeterminato si struttura così:

  • un percorso universitario e accademico abilitante  di formazione iniziale corrispondente a non meno di 60 Crediti Formativi Universitari o Accademici, di seguito denominati CFU/CFA;
  • un concorso pubblico nazionale, indetto su base regionale o interregionale;
  • un periodo di prova in servizio di durata annuale con test finale e valutazione conclusiva.

Quali sono i requisiti di accesso?

I requisiti di accesso sono vitali quando si discute del programma da 60 CFU e di come funzioni. Il suddetto corso universitario è stato progettato con l’obiettivo di preparare i concorrenti alle competenze essenziali per il loro futuro ruolo educativo.

Come evidenziato, la partecipazione a questo percorso formativo implica il completamento di un preciso insieme di crediti universitari

Tuttavia, è fondamentale comprendere che l’accesso a questa opportunità formativa non è indiscriminato.

Al contrario, sono in atto rigorosi criteri di ammissione che devono essere rispettati. Per ottenere informazioni in merito, si può fare riferimento alla tabella sottostante.

Percorso CFUDestinatariRequisiti
60 CFULaureati
60 CFUITPDiploma fino al 31 dicembre 2024. Dal 1° gennaio 2025: laurea
60 CFUStudenti in corsi di studio per insegnantiAcquisizione di almeno 180 CFU

La prova finale

In conclusione, è di vitale importanza esplorare approfonditamente il tema relativo al percorso di 60 CFU e come funzioni. Con un’attenzione particolare alle modalità in cui si svolge l’esame finale.

La fase culminante di questo percorso accademico universitario si caratterizza per un esame scritto e una simulazione di lezione. Entrambi mirati a valutare il conseguimento delle competenze professionali delineate nel Profilo descritto nell’allegato A del DPCM.

L’esame scritto richiede una concisa analisi critica di episodi, casi, situazioni e questioni che emergono durante il periodo di tirocinio.

Tale prova è concepita per valutare le competenze acquisite dal tirocinante durante le attività svolte in contesti di gruppo e nell’ambito della didattica disciplinare.

Inoltre, c’è un’attenzione particolare alle attività di laboratorio e alla capacità di acquisire conoscenze psicopedagogiche.

La simulazione di lezione rappresenta un altro elemento di cruciale importanza nell’esame finale del percorso 60 CFU. Qui, il candidato deve dimostrare le sue competenze didattiche, pianificando e conducendo una lezione in un ambiente simulato.

La stessa deve valutare la capacità del tirocinante di applicare in modo efficace le conoscenze e le metodologie apprese durante il corso di studi.


SCARICA il PDF del DPCM 60 CFU (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

Entro i mesi di novembre/dicembre del 2024, i percorsi abilitanti per docenti di scuola secondaria che termineranno sono di tre tipi
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti docenti secondaria: quando termineranno i primi?

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha previsto un secondo Concorso docenti atteso per i mesi di Novembre/Dicembre del 2024. Ne consegue che, con molta probabilità, i suddetti mesi saranno gli stessi in cui termineranno i primi percorsi abilitanti per i docenti di scuola secondaria.  Docenti abilitati con

Leggi l'Articolo
L’assegnazione provvisoria, al termine dei percorsi abilitanti, può essere richiesta dai docenti di ruolo dall’anno scolastico precedente.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti: a chi è concessa l’assegnazione provvisoria

La Riforma Bianchi, legge n. 79 del 29 giugno 2022 (conversione in legge – con modificazioni – del decreto n. 36 del 30 aprile 2022) ha introdotto un nuovo metodo di reclutamento del personale docente: i percorsi abilitanti. Scopriremo, nel corso dell’articolo, quali sono i casi in cui è contemplata

Leggi l'Articolo
un'aspirante docente poco prima di parteciapre ad un percorso formativo
60 CFU
Giuseppe Montone

60 CFU e TFA Sostegno: domande frequenti | FAQ | 60 CFU

L’implementazione dei percorsi universitari e accademici per la formazione iniziale, necessaria per l’abilitazione degli aspiranti insegnanti di posto comune (inclusi gli insegnanti tecnico-pratici, ITP) nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, ha completamente trasformato il processo di reclutamento degli insegnanti. Il provvedimento, entrato in vigore nel 2022 continua, tuttavia,

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti durante una lezione dei percorsi abilitanti da 36 CFU/CFA
60 CFU
Giuseppe Montone

Percorsi abilitanti 36 CFU

Il Ministero dell’Università e della Ricerca ha definito i dettagli operativi per l’attivazione dei nuovi percorsi abilitanti per docenti, articolati in moduli da 60, 30 e 36 CFU/CFA. Queste misure, introdotte con la legge n. 79 del 29 giugno 2022 mirano a riformare il sistema di formazione e reclutamento degli

Leggi l'Articolo
Il DPCM 4 agosto 2023 ha fissato un tetto massimo per i costi dei percorsi abilitanti.
60 CFU
Rosalia Cimino

I costi dei percorsi abilitanti

In partenza i percorsi abilitanti per i docenti. L’attesa è terminata con la pubblicazione del Decreto numero 621, emanato dal Ministero dell’Università e della Ricerca il 22 aprile 2024, che regola l’inizio dei corsi di formazione iniziale per i futuri insegnanti. Scopriamo quali sono i costi dei percorsi abilitanti. Quanto

Leggi l'Articolo
In partenza i percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: le pagine delle Università iniziano ad essere aggiornate, nell’attesa dei relativi bandi.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: ecco le pagine delle Università

In partenza i percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: le pagine delle Università iniziano ad essere aggiornate, nell’attesa dei relativi bandi. In merito, ricordiamo che il Presidente del Consiglio dei Ministri, con proprio decreto del 4 agosto 2023, ha definito le nuove modalità per la formazione iniziale dei docenti

Leggi l'Articolo