60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Riforma Bianchi, 24 CFU o 60 CFU

Riforma Bianchi, 24 CFU o 60 CFU

Con la pubblicazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 agosto 2023 (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023) sono state gettate le fondamenta per i nuovi percorsi formativi abilitanti. Riservati esclusivamente agli aspiranti docenti delle scuole Secondarie di primo e secondo grado.

Il fulcro della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento del personale docente, ratificata dalla legge n. 79 del 29 giugno 2022 (conversione in legge del decreto n. 36 del 30 aprile 2022), risiede nell’introduzione dei 60 CFU. Che hanno sostituito definitivamente i precedenti 24 CFU.

Nel dettaglio, i 60 CFU investono le sfere antropo-psico-pedagogiche, insieme alle metodologie e tecnologie didattiche e linguistiche. Delineando il nuovo percorso formativo per conquistare l’abilitazione all’insegnamento. Tale requisito si manifesta come elemento imprescindibile per partecipare ai futuri concorsi a cattedra, una volta che la Riforma avrà raggiunto la sua piena operatività.

In virtù della Riforma Bianchi, il nuovo percorso di reclutamento dei docenti sarà il seguente: 

  • laurea magistrale (triennale per ITP) + percorso di abilitazione di 60 CFU/CFA + concorso + anno di prova in servizio con test finale e valutazione conclusiva.

Che cosa sono i 24 CFU?

Con l’emanazione del Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017, noto come “Decreto 24 CFU,” vennero stabiliti dei requisiti chiave sia per le Graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) sia per i processi selettivi nel contesto scolastico.

Questi crediti universitari, focalizzati su aree come la pedagogia, la psicologia e le tecnologie didattiche, fungevano da criterio iniziale per partecipare ai vari concorsi pubblici, limitando però la loro applicabilità all’ambito della scuola secondaria.

Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, i 24 CFU non conferivano l’abilitazione all’insegnamento. Ottenibile solo attraverso altre vie formative specifiche, come TFA, SSIS o PAS, oppure superando il concorso dedicato all’insegnamento.

Pertanto, prima delle modifiche introdotte dalla Riforma Bianchi, i 24 CFU agivano come un requisito minimo per l’ingresso nelle Graduatorie e nei concorsi, affiancati da altri esami e crediti necessari per accedere alla classe di concorso desiderata.

24 CFU o 60 CFU: che cosa cambia?

Sostenere che i 60 CFU hanno semplicemente preso il posto dei 24 CFU a seguito della Riforma Bianchi rappresenta una semplificazione che non tiene conto delle specificità dei due percorsi formativi. Essi differiscono non solo nelle loro strutture, ma anche negli obiettivi perseguiti.

È importante ricordare che il percorso da 60 CFU offre una formazione abilitante completa, sebbene durante il periodo transitorio siano previsti anche itinerari formativi “abbreviati” da 30 o 36 CFU.

Queste opzioni ridotte sono state ideate per soddisfare le esigenze di determinate categorie di candidati. Tra questi si annoverano coloro che già detengono un’abilitazione o una specializzazione, così come individui che hanno conseguito i 24 CFU necessari o che hanno maturato almeno tre anni di servizio.

Per un’analisi più dettagliata dei vari percorsi formativi da 60, 30 e 36 CFU, si rimanda al nostro articolo dedicato. 

Qual è la differenza: 24 CFU o 60 CFU?

Le due vie formative, quella da 24 CFU e quella da 60 CFU, presentano differenziazioni sostanziali, a cominciare dalla loro finalità intrinseca:

  • i 24 CFU fungevano da requisito d’accesso per l’ingresso nelle Graduatorie GPS, nei concorsi e nel TFA Sostegno, senza però attribuire l’abilitazione all’insegnamento. Questi crediti garantivano, inoltre, l’accesso alla seconda fascia delle GPS;
  • in contrasto, i 60 CFU non solo apportano l’abilitazione all’insegnamento in una classe di concorso specifica, ma consentono anche l’iscrizione nella prima fascia delle GPS.

Ma la differenziazione non si limita a questo. È necessario considerare anche che:

  • il curriculum da 24 CFU era caratterizzato da un impianto programmatico omogeneo, applicabile a tutte le classi di concorso;
  • i 60 CFU, di contro, sono specifici per ogni singola classe di concorso e includono, oltre alle materie fondamentali, uno studio avanzato delle tecniche didattiche relative alla disciplina in questione. Questi percorsi comprendono, inoltre, un tirocinio specializzato per la classe di concorso designata.

Inoltre:

  • i 24 CFU, una volta ottenuti, erano applicabili a tutte le classi di concorso;
  • diversamente, i 60 CFU sono “su misura” per ogni classe di concorso. Pertanto, i candidati interessati ad acquisire l’abilitazione in più classi dovranno seguire diversi itinerari formativi. Esistono, tuttavia, opzioni abbreviate per coloro che detengono già un’abilitazione o che hanno già accumulato i 24 CFU.

Differenza tra 24 CFU e 60 CFU: la modalità di accesso, la frequenza e i costi

Tra il programma formativo da 24 CFU e quello abilitante da 60 CFU, vi sono divergenze significative sia in termini di modalità di erogazione che sotto il profilo economico:

  • i corsi da 24 CFU non imponevano alcuna selezione iniziale né la necessità di frequentare lezioni in presenza. L’itinerario didattico poteva essere eseguito interamente online, fatta eccezione per le valutazioni finali che dovevano avvenire in presenza;
  • Per quanto riguarda i corsi da 60 CFU, è richiesta una partecipazione in aula per almeno il 60% delle attività formative. Per gli anni accademici 2023/2024 e 2024/2025, fino al 50% delle lezioni può essere effettuato attraverso connessioni telematiche in tempo reale. Le attività pratiche come laboratori e tirocini, tuttavia, devono essere eseguite in modalità presenziale.

Dal punto di vista finanziario:

  • il Decreto Ministeriale 616/2017 aveva stabilito un limite di costo di 500 euro per la fruizione dei corsi da 24 CFU;

PERCORSO DA 24 CFUPERCORSO DA 60 CFU
FunzioneRequisito di accesso per Graduatorie, concorsi e TFA Sostegno. Non abilitante Conduce all’abilitazione in specifica classe di concorso 
GPSIscrizione I fascia delle Graduatorie GPSIscrizione II fascia delle Graduatorie GPS
AmbitoTrasversale a tutte le classi di concorsoSpecifico per ciascuna classe di concorso
ContenutoMaterie trasversali all’insegnamentoDiscipline di base, metodologie didattiche specifiche e tirocinio diretto per la classe di concorso
ValiditàValido per tutte le classi di concorsoSpecifico per la classe di concorso; percorsi separati per abilitazioni multiple
Modalità didatticaNessuna obbligatorietà di presenza; possibile fruizione a distanza con esami in presenzaFrequenza in aula per almeno il 60% delle attività; telematica fino al 50% solo per anni accademici 2023/2024 e 2024/2025; tirocini e laboratori in presenza
Costo500 euro (per università pubbliche) secondo DM 616/20172.500 euro; ridotto a 2.000 euro per percorsi abbreviati o per chi è già iscritto a corsi di laurea 

L’articolo 8 del DPCM 60 CFU: riconoscimento dei 24 CFU 

Cosa ne sarà dei 24 CFU dopo l’adozione dei 60 CFU?

Prima di tutto occorre precisare che la Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti prevedeva la possibilità di conseguire i 24 CFU solo entro il 31 ottobre 2022

Gli aspiranti docenti in possesso di tali crediti formativi avranno la possibilità di utilizzarli per i concorsi a cattedra fino al termine stabilito del 31 dicembre 2024, che segna la fine della fase transitoria. È necessario precisare che, se selezionati tramite il concorso, gli stessi dovranno acquisire un ulteriore ammontare di 36 CFU nel loro primo anno di servizio per ottenere l’abilitazione.

L’acquisizione dei 60 CFU diverrà, invece, un requisito imprescindibile a partire dal 1° gennaio 2025.

L’articolo 8 del DPCM 60 CFU, relativo al “riconoscimento dei crediti formativi universitari“, stabilisce alcune linee guida:

  • i 24 CFU/CFA, se acquisiti prima del 31 ottobre 2022, sono riconoscibili, purché includano almeno 10 CFU/CFA derivanti da tirocinio diretto.

Nonostante la validità dei 24 CFU per i concorsi a cattedra scada il 31 dicembre 2024, il DPCM 60 CFU non definisce una scadenza specifica per il riconoscimento di questi crediti.

Percorsi abilitanti da 36 CFU/CFA per gli aspiranti docenti con 24 CFU

Gli aspiranti insegnanti che hanno ottenuto 24 CFU entro il 31 ottobre 2022 avranno l’opportunità di partecipare al concorso per la cattedra anche se non sono abilitati. 

Tuttavia, se risultano vincitori del concorso, verranno assunti con contratto a termine e dovranno completare la loro formazione iniziale con ulteriori 36 CFU/CFA. Per conseguire l’abilitazione, saranno tenuti anche a superare una prova scritta e una lezione simulata.

Per loro la bozza del DPCM 60 CFU prevede:

Contenuto dei percorsiCFU/CFA
Discipline di area pedagogica3
Tirocinio diretto10
Tirocinio indiretto3
Discipline di area linguistico-digitale3
Didattica delle discipline, metodologie e tecnologie didattiche applicate alle discipline di riferimento15
Discipline relative all’acquisizione di competenze nella legislazione scolastica2

SCARICA il PDF del DPCM 60 CFU (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023)

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

Entro i mesi di novembre/dicembre del 2024, i percorsi abilitanti per docenti di scuola secondaria che termineranno sono di tre tipi
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti docenti secondaria: quando termineranno i primi?

Il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha previsto un secondo Concorso docenti atteso per i mesi di Novembre/Dicembre del 2024. Ne consegue che, con molta probabilità, i suddetti mesi saranno gli stessi in cui termineranno i primi percorsi abilitanti per i docenti di scuola secondaria.  Docenti abilitati con

Leggi l'Articolo
L’assegnazione provvisoria, al termine dei percorsi abilitanti, può essere richiesta dai docenti di ruolo dall’anno scolastico precedente.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti: a chi è concessa l’assegnazione provvisoria

La Riforma Bianchi, legge n. 79 del 29 giugno 2022 (conversione in legge – con modificazioni – del decreto n. 36 del 30 aprile 2022) ha introdotto un nuovo metodo di reclutamento del personale docente: i percorsi abilitanti. Scopriremo, nel corso dell’articolo, quali sono i casi in cui è contemplata

Leggi l'Articolo
un'aspirante docente poco prima di parteciapre ad un percorso formativo
60 CFU
Giuseppe Montone

60 CFU e TFA Sostegno: domande frequenti | FAQ | 60 CFU

L’implementazione dei percorsi universitari e accademici per la formazione iniziale, necessaria per l’abilitazione degli aspiranti insegnanti di posto comune (inclusi gli insegnanti tecnico-pratici, ITP) nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, ha completamente trasformato il processo di reclutamento degli insegnanti. Il provvedimento, entrato in vigore nel 2022 continua, tuttavia,

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti durante una lezione dei percorsi abilitanti da 36 CFU/CFA
60 CFU
Giuseppe Montone

Percorsi abilitanti 36 CFU

Il Ministero dell’Università e della Ricerca ha definito i dettagli operativi per l’attivazione dei nuovi percorsi abilitanti per docenti, articolati in moduli da 60, 30 e 36 CFU/CFA. Queste misure, introdotte con la legge n. 79 del 29 giugno 2022 mirano a riformare il sistema di formazione e reclutamento degli

Leggi l'Articolo
Il DPCM 4 agosto 2023 ha fissato un tetto massimo per i costi dei percorsi abilitanti.
60 CFU
Rosalia Cimino

I costi dei percorsi abilitanti

In partenza i percorsi abilitanti per i docenti. L’attesa è terminata con la pubblicazione del Decreto numero 621, emanato dal Ministero dell’Università e della Ricerca il 22 aprile 2024, che regola l’inizio dei corsi di formazione iniziale per i futuri insegnanti. Scopriamo quali sono i costi dei percorsi abilitanti. Quanto

Leggi l'Articolo
In partenza i percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: le pagine delle Università iniziano ad essere aggiornate, nell’attesa dei relativi bandi.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: ecco le pagine delle Università

In partenza i percorsi abilitanti da 30 e 60 CFU: le pagine delle Università iniziano ad essere aggiornate, nell’attesa dei relativi bandi. In merito, ricordiamo che il Presidente del Consiglio dei Ministri, con proprio decreto del 4 agosto 2023, ha definito le nuove modalità per la formazione iniziale dei docenti

Leggi l'Articolo