60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Riforma reclutamento, dal percorso di abilitazione alla formazione incentivata docenti. Conferme e novità del maxiemendamento

riforma reclutamento docenti

Finalmente è arrivata l’approvazione del Decreto legge n. 36/2022 in Senato, dopo il travagliato cammino in commissione dei giorni precedenti. Adesso la parola passa alla Camera. Per la definitiva conversione in legge c’è tempo solo fino al 29 giugno: ragion per cui bisognerà fare in fretta. Intanto in Senato il testo del maxiemendamento ha subito un’ulteriore (e, probabilmente, ultima) modifica. 

Conferme e novità del maxiemendamento. Reclutamento docenti

Cambia il modo di selezionare i docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado.

Viene istituito un percorso abilitante di 60 CFU gestito dalle Università e attivato sul fabbisogno di cattedre, con prova finale che include una prova scritta e una lezione simulata. Inoltre ci sarà un periodo di prova di durata annuale con test finale e valutazione conclusiva.

Si tratterà dell’unico modo che consente agli aspiranti di poter conseguire l’abilitazione. 

L’abilitazione darà la possibilità di accedere ai concorsi. Tali concorsi subiranno una profonda variazione dopo il malcontento generale suscitato dalle prove svolte quest’anno. Perciò addio ai quiz a risposta multipla, le compiante domande a risposta aperta torneranno in pompa magna.

Il percorso per diventare insegnante si costituisce così: una laurea magistrale (per ITP triennale) + percorso abilitazione di 60 CFU + concorso + anno di prova in servizio con test finale e valutazione conclusiva.

Si potrà accedere al percorso per l’acquisizione dei 60 CFU (che sono aggiuntivi alla laurea) dopo la laurea magistrale o durante la frequenza della magistrale stessa.  Per chi è ancora iscritto al corso di laurea magistrale a ciclo unico serve l’acquisizione almeno 180 CFU per potersi iscrivere al percorso. All’esame di abilitazione si accede comunque dopo il conseguimento della laurea magistrale o del diploma AFAM di II livello.

Nei primi tre cicli dei percorsi abilitanti ci sarà una riserva di posti (da quantificare) per i docenti che hanno un contratto in essere nella relativa classe di concorso presso scuola statale, paritaria e IeFP.

I costi saranno a carico dei partecipanti, ma ci penserà il DPCM di luglio 2022 a definire meglio la questione dei costi massimi.

Fase transitoria

Ovviamente ci sarà una fase di transizione. Fino a dicembre 2024, infatti, ai candidati in possesso di 30 o 24 CFU, sarà data la possibilità di conseguire i restanti crediti anche dopo aver superato i concorsi a cattedra. Quindi, i famigerati 24 CFU acquisiti da svariati aspiranti già inseriti nelle GPS, non andranno perduti. L’ultima data utile per poterli acquisire è fissata al 31 ottobre 2022.

Si tratta di una fase di passaggio che permetterà ai candidati dei concorsi a cattedra di possedere 30 o 24 CFU e di conseguire i rimanenti dopo aver superato il concorso. Una breve transizione prima dell’entrata in vigore a pieno regime del nuovo sistema di reclutamento, che avverrà tra il 2025 e 2026.

I docenti con alle spalle già tre anni di servizio durante gli ultimi cinque anni scolastici nelle scuole statali potranno partecipare al concorso. Il percorso successivo dipenderà dal possesso o meno dell’abilitazione o dei 30 o dei 24 CFU.

I concorsi si svolgeranno con cadenza annuale e saranno costituiti da una prova scritta a risposta aperta. In graduatoria saranno presenti sia i docenti abilitati, sia coloro che ancora non sono in possesso dell’abilitazione. 

Conferme e novità del maxiemendamento. Formazione volontaria

Il PNRR istituisce, inoltre, un sistema di formazione per i docenti in servizio che include anche la possibilità di premiare i docenti che vi prenderanno parte. Infatti, la partecipazione sarà volontaria e coloro i quali supereranno positivamente un percorso triennale riceveranno un premio in denaro. 

Per questo scopo verrà istituita una Scuola di Alta Formazione per poter indicare le linee guida dell’attivazione dei corsi per docenti. 

Per il finanziamento di tale scuola di formazione era stato previsto il taglio della carta del docente, ma nella riformulazione del testo (maxiemendamento) è stato scongiurato almeno fino al 2024. Infatti, i premi ai docenti saranno attribuiti dal comitato di valutazione delle scuole, basate sulle risorse annuali a disposizione.

Altre misure previste dal testo del maxi-emendamento sono:

  • esoneri per i collaboratori dei dirigenti scolastici per le scuole in reggenza;
  • scorrimento delle graduatorie degli idonei per quanto riguarda i concorsi docenti secondaria;
  • stop al taglio della carta docenti fino al 2024;
  • concorso unicamente dedicato agli insegnanti precari;
  • procedura straordinaria per l’assunzione di sostegno;
  • titoli di accesso A26 Matematica e A28 Matematica e Scienze saranno integrati entro il 31 luglio;
  • docenti abilitati con tre anni di servizio su sostegno che accedono direttamente al TFA sostegno.

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

aspiranti docenti sorridono durante percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

I corsi e i posti disponibili dei percorsi universitari abilitanti (SCARICA PDF)

In attesa della definitiva pubblicazione dei due importanti decreti ministeriali relativi alla definizione delle quote di riserva e all’emanazione delle autorizzazioni necessarie per l’inizio dei nuovi percorsi universitari abilitanti sulla base dell’effettiva sostenibilità, già al centro di un’informativa tra le organizzazioni sindacali e i Ministeri dell’Istruzione e del Merito (MIM)

Leggi l'Articolo
in merito ai percorsi abilitanti da 30 CFU, viene da chiedersi se i 5 giorni di permesso per formazione potranno essere richiesti al fine di partecipare al corso di abilitazione.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi 30 CFU: Concessi i 5 Giorni di Permesso per Formazione

La Riforma della formazione iniziale per docenti e continua e del reclutamento dei docenti ha introdotto la novità dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale abilitante.  I primi a partire saranno quelli da 30 CFU rivolti ai docenti già abilitati su una classe di concorso o su un altro

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti seguono una lezione dei percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

Chi ha i 24 CFU deve fare i 60? Ecco cosa sapere

Fino al 31 ottobre 2022 era possibile acquisire i 24 CFU per l’insegnamento, che resteranno validi fino al 31 dicembre 2024 per l’accesso ai concorsi a cattedra, ma a partire dal 1° gennaio 2025 per candidarsi ai concorsi per docenti sarà indispensabile disporre dell’abilitazione all’insegnamento, ottenibile tramite i percorsi abilitanti

Leggi l'Articolo
docente in classe mentre spuega la lezione alla lavagna
60 CFU
Giuseppe Montone

Seconda abilitazione docenti di ruolo: i percorsi da 30 CFU

Con l’adozione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, sancita dalla Legge di conversione n. 79 del 29 giugno 2022 che modifica il decreto n. 36 del 30 aprile 2022, sono stati istituiti nuovi percorsi formativi per conseguire l’abilitazione all’insegnamento, tra cui i percorsi da

Leggi l'Articolo
docente spiega la lezione agli alunni
60 CFU
Giuseppe Montone

Guida all’abilitazione all’insegnamento

L’abilitazione all’insegnamento rappresenta un passaggio fondamentale per aspirare alla carriera docente, essendo un prerequisito sia per l’ingresso nella professione che per la successiva stabilizzazione del rapporto di lavoro. Questo processo acquisisce importanza in un contesto educativo in continua evoluzione, dove si richiede una formazione specifica e approfondita. La recente Riforma

Leggi l'Articolo