60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Che Cosa Sono i 60 CFU? Tutto Quello Che Devi Sapere

cosa sono 60 cfu

Quando e come sono stati introdotti i 60 CFU?

L’introduzione dei 60 CFU è sicuramente tra le principali novità previste all’interno del decreto legge n. 36 del 30 aprile 2022, provvedimento approvato dal Consiglio dei Ministri nell’ambito del maxi decreto del PNRR, nella sezione dedicata all’istruzione.

Questa importante novità legislativa è stata fortemente voluta dal Ministro Bianchi e consiste, in buona sostanza, di una nuova riforma relativa alle regole per la formazione iniziale e continua e per il reclutamento dei docenti.

Questa nuova riforma è stata già fortemente contestata dalle organizzazioni sindacali, ciononostante l’allora Ministro dell’Istruzione Bianchi ha difeso le novità introdotte dal decreto e ha ribadito: «Non è affatto un percorso ad ostacoli, è piuttosto un percorso formativo finalmente chiaro».

E di chiaro c’è, soprattutto, come dicevamo, l’introduzione dei 60 CFU, ma cerchiamo di capire più dettagliatamente di cosa si tratta, perché sono stati previsti, a cosa servono e come conseguirli.  

Che cosa sono i 60 CFU?

I 60 CFU sono dei Crediti formativi universitari nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche e linguistiche.

Si tratta di veri e propri percorsi universitari/accademici abilitanti di formazione iniziale, esattamente come i 24 CFU istituiti con il decreto legislativo n. 59 del 13 aprile 2017, dunque oggi rappresentano un requisito di accesso fondamentale e per ottenere l’abilitazione all’insegnamento.

Prima di vedere cosa cambia con i 60 CFU per gli aspiranti docenti, facciamo un attimo il punto su qual è stato e come funzionava il percorso abilitante in passato.

Abilitazione all’insegnamento: come funzionava prima dei 60 CFU

Per la sesta volta in appena vent’anni l’abilitazione all’insegnamento è interessata da una riforma o da un aggiornamento. Oggettivamente sono troppe volte, ma ripercorriamo brevemente insieme cosa è cambiato nel tempo, fino a prima dell’introduzione dei 60 CFU.

  1. In principio ci fu la SSIS (Scuola di specializzazione all’insegnamento secondario), una scuola di specializzazione universitaria di durata biennale. L’attività della stessa durò nove cicli: dall’anno accademico 1999/2000 all’anno accademico 2008/2009.
  2. In seguito il posto della SSIS fu preso dal TFA (Tirocinio formativo attivo). Secondo l’allora ministro Mariastella Gelmini, quello del TFA era “il percorso più duro e professionalizzante per abilitare una classe docente”.
  3. Con il decreto 59/2017 lo stesso TFA fu a sua volta soppresso e sostituito dal percorso Fit (Formazione, inserimento, tirocinio), un progetto, in realtà, mai decollato.
  4. Poi arrivò anche la laurea magistrale in Scienze della formazione primaria, abilitante all’insegnamento nella scuola dell’infanzia e primaria.
  5. Un altro percorso formativo (di durata annuale) finalizzato al conseguimento dell’abilitazione, era rappresentato dai PAS (Percorsi abilitanti speciali), ormai fermi da circa otto anni. Qualcuno ipotizza o suggerisce addirittura una riattivazione di questi ultimi, ma non è questa la sede per affrontare la questione.  

Il pensiero del Ministro Bianchi sulla riforma dei 60 CFU

L’obiettivo dichiarato dell’ex Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi era quello di inserire la formazione per diventare docente all’interno del tradizionale percorso di studio universitario, quindi non più i classici 24 CFU, bensì 60 CFU da acquisire durante il percorso di laurea.

«È necessario ritrovare dei percorsi non facilitati, neanche certi, ma che permettano ad un ragazzo che si iscrive all’università, di poter scegliere un percorso per fare l’insegnante. Quello che ha sempre umiliato il mestiere d’insegnante è il fatto di aver sempre pensato prima a laurearsi ed essersi preoccupati solo poi. Del resto ci si può iscrivere a una graduatoria, perché ce n’è sempre una. E, invece, no: è ora di invertire la rotta».

Patrizio Bianchi, ex Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca della Repubblica Italiana

L’ex Ministro Bianchi all’epoca aveva anche dichiarato: «La formazione dei docenti rappresenta un elemento di grande importanza nell’ottica di una maggiore qualità della scuola e, da parte nostra, riteniamo che i 60 CFU possano essere conseguiti anche prima della laurea magistrale. Del resto la decisione di fare l’insegnante può essere fatta anche prima o, comunque, durante il percorso universitario». 

Come si ottengono i 60 CFU?

Come chiarito dal Ministro Bianchi, chi vorrà diventare insegnante dovrà deciderlo fin dall’università e, soprattutto, potrà acquisire i 60 CFU parallelamente alla laurea, ma non solo: dovrà anche superare un esame scritto e una lezione simulata.

Una volta ottenuta l’abilitazione, questa durerà per sempre ma non darà diritto alla cattedra: per ottenere quest’ultima, infatti, bisognerà comunque superare il concorso ordinario, infine, prima di entrare di ruolo, bisognerà anche svolgere un anno di prova.

Nello specifico i 60 CFU comprendono un periodo di tirocinio diretto, presso le scuole, e uno indiretto, non inferiore a 20 crediti formativi universitari.

Il Ministero dell’Istruzione ha predisposto, inoltre, un percorso universitario specifico, per consentire l’acquisizione di elevate competenze linguistiche e digitali, oltre a conoscenze e competenze teoriche e pratiche relative allo sviluppo e alla valorizzazione della professione del docente, tanto negli ambiti della pedagogia, quanto delle metodologie e tecnologie didattiche.

Chi ha acquisito i 24 CFU potrà comunque utilizzarli, ma sarà comunque tenuto ad arrivare a 60 CFU con dei percorsi da 36 CFU ad hoc.

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

aspiranti docenti sorridono durante percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

I corsi e i posti disponibili dei percorsi universitari abilitanti (SCARICA PDF)

In attesa della definitiva pubblicazione dei due importanti decreti ministeriali relativi alla definizione delle quote di riserva e all’emanazione delle autorizzazioni necessarie per l’inizio dei nuovi percorsi universitari abilitanti sulla base dell’effettiva sostenibilità, già al centro di un’informativa tra le organizzazioni sindacali e i Ministeri dell’Istruzione e del Merito (MIM)

Leggi l'Articolo
in merito ai percorsi abilitanti da 30 CFU, viene da chiedersi se i 5 giorni di permesso per formazione potranno essere richiesti al fine di partecipare al corso di abilitazione.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi 30 CFU: Concessi i 5 Giorni di Permesso per Formazione

La Riforma della formazione iniziale per docenti e continua e del reclutamento dei docenti ha introdotto la novità dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale abilitante.  I primi a partire saranno quelli da 30 CFU rivolti ai docenti già abilitati su una classe di concorso o su un altro

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti seguono una lezione dei percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

Chi ha i 24 CFU deve fare i 60? Ecco cosa sapere

Fino al 31 ottobre 2022 era possibile acquisire i 24 CFU per l’insegnamento, che resteranno validi fino al 31 dicembre 2024 per l’accesso ai concorsi a cattedra, ma a partire dal 1° gennaio 2025 per candidarsi ai concorsi per docenti sarà indispensabile disporre dell’abilitazione all’insegnamento, ottenibile tramite i percorsi abilitanti

Leggi l'Articolo
docente in classe mentre spuega la lezione alla lavagna
60 CFU
Giuseppe Montone

Seconda abilitazione docenti di ruolo: i percorsi da 30 CFU

Con l’adozione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, sancita dalla Legge di conversione n. 79 del 29 giugno 2022 che modifica il decreto n. 36 del 30 aprile 2022, sono stati istituiti nuovi percorsi formativi per conseguire l’abilitazione all’insegnamento, tra cui i percorsi da

Leggi l'Articolo
docente spiega la lezione agli alunni
60 CFU
Giuseppe Montone

Guida all’abilitazione all’insegnamento

L’abilitazione all’insegnamento rappresenta un passaggio fondamentale per aspirare alla carriera docente, essendo un prerequisito sia per l’ingresso nella professione che per la successiva stabilizzazione del rapporto di lavoro. Questo processo acquisisce importanza in un contesto educativo in continua evoluzione, dove si richiede una formazione specifica e approfondita. La recente Riforma

Leggi l'Articolo