60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Percorsi 60 CFU abilitanti: i numeri

Percorsi 60 CFU abilitanti i numeri

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) ha recentemente trasmesso al Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) una stima circa il fabbisogno triennale dei docenti che potranno ottenere il ruolo grazie ai percorsi 60 CFU abilitanti.

Non rientrano, in tale numero stimato di abilitazioni previste, coloro i quali si trovano a dover conseguire un ulteriore titolo abilitante, rispetto a quello che già possiedono.

I criteri di calcolo del fabbisogno docenti per gli anni accademici 2023/24, 2024/25, 2025/26

I criteri da perseguire allo scopo di individuare il fabbisogno triennale docenti per gli anni accademici 2023/24, 2024/25 e 2025/26, secondo quanto previsto dal DPCM 60 CFU, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.224 del 25 settembre 2023, sono diversi:

  • Per prima cosa, i posti vacanti derivati dalla programmazione regionale degli organici, deliberata ai sensi dell’art. 39 della legge 27 dicembre 1997 n.449, al netto dei docenti abilitati nominati a tempo determinato;
  • In secondo luogo, bisogna considerare il personale docente privo di abilitazione, assunto con contratto a tempo determinato, su posti disponibili, ma non vacanti, inseriti nel triennio precedente;
  • Ulteriore criterio da valutare è l’insieme dei posti vacanti e disponibili del reparto personale docente di scuola secondaria di primo e secondo grado che riguarda le scuole italiane all’estero;
  • In ultima analisi, ad essere preso in considerazione è il numero degli insegnanti delle scuole paritarie e dei percorsi IeFP (Istruzione e Formazione Professionale), quantificato, in caso di impossibilità di determinazione entro il termine previsto dal comma 3, in una maggiorazione fino al 30% del fabbisogno calcolato.

Flc-Cgil: “Più posti al sud, meno al nord”

Attraverso una nota informativa, Flc-Cgil comunica che il Ministero dell’Istruzione ha predisposto la stima del fabbisogno docenti su base triennale, individuando “numeri alti al sud e bassi al nord, con il paradosso che proprio nelle discipline STEM al nord saranno attivati pochi corsi”. 

Da segnalare, tra l’altro, che “la riserva del 45% dei posti il primo anno e del 35% nel secondo e terzo anno di attivazione dei corsi a favore di precari con tre anni di servizio nella scuola statale o paritaria negli ultimi cinque di cui almeno uno nella classe di concorso prevista dal DPCM 60 CFU abilitanti potrebbe perdere efficacia a causa del numero esiguo di posti da attivare nelle regioni del nord”.

Stando a questi numeri, dunque, ci si interroga sull’effettiva utilità della riserva a favore dei precari, laddove l’offerta formativa nelle regioni del nord risulti particolarmente esigua.

Non dimentichiamo, infatti, che dal 1° gennaio 2025 per ottenere il ruolo da parte degli aspiranti docenti, sarà obbligatorio frequentare corsi da 60 CFU abilitanti. L’abilitazione rappresenterà, quindi, un requisito indispensabile per l’accesso ai concorsi annuali su base regionale. 

Di conseguenza, diventerà necessario, per garantire la giusta competitività sul singolo posto, avere un numero maggiore di docenti rispetto ai posti banditi.

SCARICA il PDF del DPCM 60 CFU (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023)

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

aspiranti docenti sorridono durante percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

I corsi e i posti disponibili dei percorsi universitari abilitanti (SCARICA PDF)

In attesa della definitiva pubblicazione dei due importanti decreti ministeriali relativi alla definizione delle quote di riserva e all’emanazione delle autorizzazioni necessarie per l’inizio dei nuovi percorsi universitari abilitanti sulla base dell’effettiva sostenibilità, già al centro di un’informativa tra le organizzazioni sindacali e i Ministeri dell’Istruzione e del Merito (MIM)

Leggi l'Articolo
in merito ai percorsi abilitanti da 30 CFU, viene da chiedersi se i 5 giorni di permesso per formazione potranno essere richiesti al fine di partecipare al corso di abilitazione.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi 30 CFU: Concessi i 5 Giorni di Permesso per Formazione

La Riforma della formazione iniziale per docenti e continua e del reclutamento dei docenti ha introdotto la novità dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale abilitante.  I primi a partire saranno quelli da 30 CFU rivolti ai docenti già abilitati su una classe di concorso o su un altro

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti seguono una lezione dei percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

Chi ha i 24 CFU deve fare i 60? Ecco cosa sapere

Fino al 31 ottobre 2022 era possibile acquisire i 24 CFU per l’insegnamento, che resteranno validi fino al 31 dicembre 2024 per l’accesso ai concorsi a cattedra, ma a partire dal 1° gennaio 2025 per candidarsi ai concorsi per docenti sarà indispensabile disporre dell’abilitazione all’insegnamento, ottenibile tramite i percorsi abilitanti

Leggi l'Articolo
docente in classe mentre spuega la lezione alla lavagna
60 CFU
Giuseppe Montone

Seconda abilitazione docenti di ruolo: i percorsi da 30 CFU

Con l’adozione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, sancita dalla Legge di conversione n. 79 del 29 giugno 2022 che modifica il decreto n. 36 del 30 aprile 2022, sono stati istituiti nuovi percorsi formativi per conseguire l’abilitazione all’insegnamento, tra cui i percorsi da

Leggi l'Articolo
docente spiega la lezione agli alunni
60 CFU
Giuseppe Montone

Guida all’abilitazione all’insegnamento

L’abilitazione all’insegnamento rappresenta un passaggio fondamentale per aspirare alla carriera docente, essendo un prerequisito sia per l’ingresso nella professione che per la successiva stabilizzazione del rapporto di lavoro. Questo processo acquisisce importanza in un contesto educativo in continua evoluzione, dove si richiede una formazione specifica e approfondita. La recente Riforma

Leggi l'Articolo