60 CFU logo

Le Ultime News dal Mondo Scuola

Percorsi abilitanti 30 e 36 CFU solo per i vincitori del Concorso straordinario ter

vincitori del concorso scuola durante i percorsi abilitanti

I candidati delle scuole dell’Infanzia e Primarie nonché delle scuole Secondarie di primo e secondo grado che hanno conseguito un punteggio di almeno 70/100 nelle prove scritte del Concorso straordinario ter (conclusesi il 19 marzo), attendono ora la convocazione per le prove orali, previste nel mese di aprile. Allo stesso tempo, però, cominciano a guardare con interesse anche ai percorsi formativi abilitanti da 30 e 36 CFU.

In ogni caso, non verranno diffuse graduatorie parziali delle prove scritte né i punteggi intermedi fatti registrare dai candidati.

Inoltre, secondo quanto previsto dall’articolo 9, comma 1, dei bandi di concorso, la graduatoria definitiva sarà limitata al numero di posti disponibili. Con la possibilità, tuttavia, di integrare tale elenco solo in caso di rinunce all’assunzione, includendo quindi i candidati che abbiano superato il minimo dei punteggi richiesti.

Pertanto, solo i candidati che si collocheranno entro il limite dei 44.654 posti disponibili saranno considerati vincitori e inclusi nella graduatoria di merito, ottenendo così il diritto di essere assunti. Oltre ad essere ammessi di diritto anche ai percorsi formativi abilitanti delineati dalla Riforma Bianchi. 

Rispetto a quanto avveniva in passato, il Concorso straordinario non conferisce automaticamente l’abilitazione all’insegnamento. Cosicché i candidati dovranno necessariamente completare i percorsi formativi da 30 o 36 CFU per ottenere tale qualifica.

Concorso scuola: non è prevista una graduatoria degli idonei

Dopo la conclusione delle prove orali del Concorso straordinario ter 2023 verrà formulata la graduatoria di merito, che non prevede nessuno scorrimento.

Questa sarà infatti composta unicamente dai partecipanti che si sono classificati tra i vincitori, occupando uno dei 44.654 posti disponibili

Di conseguenza, non è prevista la categoria degli idonei, ossia coloro che, nonostante abbiano superato le selezioni, non trovano posto nella quantità limitata di posizioni offerte. La possibilità di un loro inserimento nella graduatoria di merito si presenterà solo se si verificassero delle rinunce formali all’immissione in ruolo da parte di chi ha ottenuto il posto.

Nonostante l’assenza di una graduatoria ad esaurimento, si può però ragionevolmente prevedere un movimento parziale nella graduatoria di merito, dovuto alle rinunce che naturalmente si manifesteranno durante il processo di assegnazione dei ruoli ai vincitori.

Vincitori ed idonei del Concorso straordinario ter: chi accede ai percorsi abilitanti da 30 e 36 CFU?

Essere tra i vincitori del Concorso straordinario ter non implica, per gli aspiranti docenti interessati, l’ottenimento dell’abilitazione all’insegnamento. Per acquisirla, infatti, gli stessi dovranno piuttosto seguire un percorso formativo specifico, introdotto dalla recente Riforma sulla formazione iniziale e continua dei docenti, sancita dalla legge n. 79 del 29 giugno 2022, che ha convertito, con modifiche, il decreto n. 36 del 30 aprile 2022. 

Questa riforma, promossa dall’ex Ministro Bianchi e confermata dall’attuale Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, prevede che, successivamente alla firma di un contratto a termine di un anno, i vincitori non ancora abilitati debbano completare un percorso formativo per ottenere i 60 CFU necessari.

I vincitori del concorso, quindi, dovranno sostenere le spese per il completamento di questo percorso, che culminerà, dopo il superamento di una prova finale, con il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento. Tale prova può essere tentata al massimo due volte.

Solo al termine di questo percorso formativo e dopo il superamento della prova finale sarà possibile la stipula di un contratto a tempo indeterminato e l’avvio dell’anno di formazione e prova, cruciale per la conferma definitiva nel ruolo.

Per quanto riguarda i dettagli del percorso formativo post-concorso:

  • i partecipanti con 24 CFU dovranno acquisire ulteriori 36 CFU attraverso un percorso abilitante.
  • i candidati già in possesso dell’abilitazione per la specifica classe di concorso o specializzati per il sostegno, e che concorrono per queste posizioni, verranno direttamente assunti con contratto a tempo indeterminato.

Gli idonei del concorso scuola accedono ai percorsi abilitanti? 

In linea con quanto stabilito dal decreto legislativo n. 59/2017, l’ingresso nei percorsi formativi abilitanti dopo il concorso è prerogativa esclusiva dei vincitori, escludendo coloro che hanno superato le prove senza però classificarsi tra i vincitori, identificati come idonei.

Questa distinzione, fondamentale nell’attuale contesto normativo, non preclude completamente agli idonei la possibilità di accedere ai percorsi abilitanti, sebbene tale accesso sarà soggetto a specifici criteri e limiti di posti, che saranno definiti più dettagliatamente in un imminente decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca, attualmente in fase di elaborazione finale.

Condividi Articolo

Articoli Consigliati

aspiranti docenti sorridono durante percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

I corsi e i posti disponibili dei percorsi universitari abilitanti (SCARICA PDF)

In attesa della definitiva pubblicazione dei due importanti decreti ministeriali relativi alla definizione delle quote di riserva e all’emanazione delle autorizzazioni necessarie per l’inizio dei nuovi percorsi universitari abilitanti sulla base dell’effettiva sostenibilità, già al centro di un’informativa tra le organizzazioni sindacali e i Ministeri dell’Istruzione e del Merito (MIM)

Leggi l'Articolo
in merito ai percorsi abilitanti da 30 CFU, viene da chiedersi se i 5 giorni di permesso per formazione potranno essere richiesti al fine di partecipare al corso di abilitazione.
60 CFU
Rosalia Cimino

Percorsi 30 CFU: Concessi i 5 Giorni di Permesso per Formazione

La Riforma della formazione iniziale per docenti e continua e del reclutamento dei docenti ha introdotto la novità dei percorsi universitari e accademici di formazione iniziale abilitante.  I primi a partire saranno quelli da 30 CFU rivolti ai docenti già abilitati su una classe di concorso o su un altro

Leggi l'Articolo
aspiranti docenti seguono una lezione dei percorsi abilitanti
60 CFU
Giuseppe Montone

Chi ha i 24 CFU deve fare i 60? Ecco cosa sapere

Fino al 31 ottobre 2022 era possibile acquisire i 24 CFU per l’insegnamento, che resteranno validi fino al 31 dicembre 2024 per l’accesso ai concorsi a cattedra, ma a partire dal 1° gennaio 2025 per candidarsi ai concorsi per docenti sarà indispensabile disporre dell’abilitazione all’insegnamento, ottenibile tramite i percorsi abilitanti

Leggi l'Articolo
docente in classe mentre spuega la lezione alla lavagna
60 CFU
Giuseppe Montone

Seconda abilitazione docenti di ruolo: i percorsi da 30 CFU

Con l’adozione della Riforma della formazione iniziale e continua e del reclutamento dei docenti, sancita dalla Legge di conversione n. 79 del 29 giugno 2022 che modifica il decreto n. 36 del 30 aprile 2022, sono stati istituiti nuovi percorsi formativi per conseguire l’abilitazione all’insegnamento, tra cui i percorsi da

Leggi l'Articolo
docente spiega la lezione agli alunni
60 CFU
Giuseppe Montone

Guida all’abilitazione all’insegnamento

L’abilitazione all’insegnamento rappresenta un passaggio fondamentale per aspirare alla carriera docente, essendo un prerequisito sia per l’ingresso nella professione che per la successiva stabilizzazione del rapporto di lavoro. Questo processo acquisisce importanza in un contesto educativo in continua evoluzione, dove si richiede una formazione specifica e approfondita. La recente Riforma

Leggi l'Articolo